Si è riunito, in modalità telematica,il Consiglio Comunale di Campobasso. Nel corso dei lavori l’assessore all’Ambiente, Simone Cretella, ha risposto all’interpellanza del consigliere della Lega, Alessandro Pascale, relativa alla situazione della raccolta differenziata in città. “Nell’anno 2019 – ha detto Cretella – è stato esteso il sistema di raccolta differenziata domiciliare al quartiere San Giovanni (circa 2 mila utenze). Inoltre, è stato stipulato un protocollo d’intesa con Unimol con estensione del servizio presso tutte le sedi universitarie. Si è proceduto alla riorganizzazione ed ottimizzazione del servizio Ecostop presso il centro storico a seguito di incontri partecipati con residenti – ha aggiunto – In relazione all’anno in corso va considerato che le attività sono state gravate da tutte le esigenze legate al servizio di gestione dei rifiuti “Covid”, tuttora in corso. Nonostante ciò si è proceduto con l’estensione del servizio in alcune aree ancora scoperte in cui sono stati opportuni interventi di “ricucitura” tra zone coperte dal servizio e non (zona urbana di via S. Antonio dei Lazzari e via Berlinguer dove insistono anche alcuni plessi scolastici)”, ha concluso l’assessore che poi ha annunciato avvio dell’estensione del servizio della differenziata all’intera zona industriale e commerciale della città che porterà a breve, e comunque entro il corrente autunno, alla rimozione totale dei cassonetti. È inoltre partita la fase di censimento della zona “murattiana” in vista dell’estensione totale del servizio di raccolta porta a porta che, come già dichiarato in più occasioni, è obiettivo dell’amministrazione terminare entro l’anno 2021 nelle zone ancora scoperte (quartiere Vazzieri, centro murattiano, restanti aree centrali).

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Truffe anziani, a Campobasso 87enne presa ancora di mira dopo tre anni

Anziani presi di mira dai truffatori a Campobasso, dove sono sempre più frequenti i raggir…