I due fratelli rom di Termoli che venerdì scorso hanno picchiato a sangue con un cric e un bastone il dipendente egiziano di un autolavaggio che non volevano pagare, sono stati arrestati e portati uno nel carcere di Vasto e l’altro in quello di Cassino. I due si trovavano ai domiciliari a causa delle difficoltà che le carceri italiane stanno vivendo per il Coronavirus. Stamattina nell’udienza di convalida dell’arresto il giudice ha disposto la misura del carcere ritendo i soggetti “socialmente pericolosi”. L’accusa per loro è di lesioni gravissime in concorso, danneggiamento e porto abusivo di arma impropria. La vittima della brutale aggressione è ancora ricoverata al Neuromed di Pozzilli, in prognosi riservata.

Potrebbe interessanti anche:

Truffe anziani, a Campobasso 87enne presa ancora di mira dopo tre anni

Anziani presi di mira dai truffatori a Campobasso, dove sono sempre più frequenti i raggir…