Home Evidenza Bus affollati in piena pandemia, Fanelli chiede l’intervento della Regione. Didattica e trasporti, studenti in piazza il 23 ottobre
Evidenza - 19 Ottobre 2020

Bus affollati in piena pandemia, Fanelli chiede l’intervento della Regione. Didattica e trasporti, studenti in piazza il 23 ottobre

Il tema dei trasporti continua a tenere banco sia a livello nazionale che locale, in relazione al rischio legato ai contagi da coronavirus.
Nonostante le restrizioni imposte dal governo con i precedenti dpcm che riducevano la capienza massima di passeggeri su bus e treni, la situazione non è affatto migliorata. Gli autobus, soprattutto quelli utilizzati dai ragazzi per recarsi a scuola continuano ad essere affollati. Al momento il nuovo dpcm interviene indirettamente, ma sul mondo della scuola, proponendo l’ingresso scaglionato degli studenti non prima delle 9 per evitare l’affollamento dell’ora di punta sui mezzi pubblici. Ma non è certo questa la soluzione per risolvere il problema. Un argomento che in Molise è tornato nuovamente alla ribalta proprio in seguito all’ultimo decreto del presidente del Consiglio. La capogruppo alla Regione del Pd, Micaela Fanelli è tornata a evidenziare le tante ed ulteriori criticità che attanagliano il settore del trasporto pubblico urbano ed extraurbano, anche in relazione al taglio delle corse deciso dalla Regione e mai ripristinate “La speranza e soprattutto l’appello che rivolgo al presidente Toma e all’assessore Pallante è quello di poter avere risposte certe in tempi rapidi – ha dichiarato – Il presidente e l’assessore sapranno indicare le modalità con cui le aziende di trasporto pubblico si adegueranno alle nuove norme e ai nuovi orari a cui dovranno attenersi gli studenti”. La Fanelli torna a sollecitare l’attivazione del Tavolo Covid in Consiglio regionale per affrontare l’emergenza e recepire le richieste che arrivano dal territorio.
Intanto l’Unione degli studenti ha organizzato per venerdì 23 ottobre una giornata di mobilitazione per richiamare l’attenzione della politica sui problemi che riguardano il mondo della scuola, soprattutto in questa fase emergenziale. Didattica giudicata insufficiente e mezzi di trasporto sovraffollati che non garantiscono il distanziamento personale sono le principali criticità denunciate dai ragazzi che annunciano la manifestazione che si svolgerà, nel pieno rispetto nelle norme anticovid, alle 9,30 in piazza Vittorio Emanuele a Campobasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 6 nuovi decessi e 80 positivi. 100 i guariti nelle ultime ore

Quattro erano ricoverati in malattie infettive e due invece erano ospiti di case di riposo…