Home Apertura Coronavirus in Molise, la provincia di Isernia più colpita: molti casi legati a cluster noti
Apertura - Evidenza - 16 Ottobre 2020

Coronavirus in Molise, la provincia di Isernia più colpita: molti casi legati a cluster noti

E’ alta l’attenzione in tutta Italia per l’aumento dei nuovi casi positivi, a fronte, però, di un numero di tamponi record effettuati nelle ultime ore. Dall’ultimo monitoraggio settimanale dell’istituto superiore di sanità emerge un incremento dell’indice rt, che misura la trasmissione del contagio, che supera l’1 in tutte le regioni, fatta eccezione per la Calabria, ferma allo 0,94 ed il Molise che si attesta allo 0.83. Intanto nelle ultime ore nella nostra regione si sono registrati 21 nuovi casi positivi su 531 tamponi processati. 9 in provincia di Campobasso, legati quasi tutti a cluster noti: 2 a Bojano, 2 a Termoli, risultati da tamponi chiesti dal medico, 5 a San Martino in Pensilis. Si tratta di una intera famiglia che ha partecipato ad una cerimonia in Campania. In provincia di Isernia i nuovi positivi sono 12, tutti appartenenti a cluster noti: 5 ad Isernia, 4 a Castelpetroso, 2 a Forli del Sannio, uno a Pesche. Tuttavia c’è da segnalare anche la guarigione di 7 persone, di cui 2 di Campobasso, 3 di Larino, una di Ferrazzano e Rotello, portando così a 568 il numero dei guariti. Gli attualmente positivi, molti dei quali asintomatici, sono 272, mentre scende ad 8 il numero dei ricoverati a Malattie infettive.
La positività riscontrata in una studentessa dell’Unimol, ha fatto attivare i protocolli e le misure di sicurezza e molti degli studenti del suo corso di laurea stanno seguendo le lezioni con la modalità di didattica a distanza. E a causa del Covid alcune scuole sono state chiuse per consentire interventi di sanificazione. A Campobasso attività didattiche sospese, oggi, per la positività di un dirigente, al Centro per l’istruzione adulti. Scuola chiusa, per precauzione ad Oratino, oggi e domani. In provincia di Isernia, dopo la chiusura disposta ieri, del polo di San Leucio, il sindaco D’Apollonio ha firmato una nuova ordinanza con la quale sospende le attività didattiche, per la giornata di oggi, alla scuola primaria e dell’infanzia della San Pietro Celestino e quella dell’infanzia della San Giovanni Bosco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Montecilfone: il metanodotto passa sotto terra. Dubbi di De Chirico e del comitato in difesa del bosco

Il bosco Corundoli di Montecilfone non verrà più sventrato dal passaggio del metanodotto L…