Perseguitava la sua ex compagna controllando i suoi spostamenti e le frequentazioni e inviandole continuamente messaggi con minacce e offese. Nei confronti dell’uomo il giudice per le indagini preliminari su richiesta della procura di Campobasso ha disposto il divieto di avvicinamento alla ex compagna. L’uomo, che ha diversi precedenti penali, in una occasione è arrivato a costringere la donna a salire a bordo della sua auto dove l’ha picchiata e le ha sotratto il telefono cellulare. Deve rispondere deio reati di atti persecutori, lesioni, violenza privata e rapina. “La vicenda in questione – ha commentato il procuratore Nicola D’Angelo – rappresenta una tipologia di delitto sempre più frequente negli ultimi anni ed il cui contrastio capillare è doveroso e necessario anche al fine di prevenire reati più gravi”.

Potrebbe interessanti anche:

Sfratti per morosità incolpevole, i sindacati degli inquilini chiedono incontro al Prefetto di Campobasso

SUNIA, con Alberto Cancellario, SICET con Francesco Ricci e UNIAT con Leonardo Bredice, or…