Home Attualità Festa di San Pardo, il riconoscimento di patrimonio immateriale dell’Unesco sempre più vicino
Attualità - Cultura - Evidenza - 15 Ottobre 2020

Festa di San Pardo, il riconoscimento di patrimonio immateriale dell’Unesco sempre più vicino

LARINO. Il consiglio comunale di Larino ha dato il via libera al conferimento formale della consulenza alla professoressa Letizia Bindi per completare, secondo le indicazioni dell’Unesco, l’iter avviato dall’amministrazione per far riconoscere la festa patronale in onore di San Pardo quale patrimonio immateriale Unesco.

Un passo che il sindaco Pino Puchetti inserisce tra le iniziative più rilevanti, tra quelle azioni concrete finalizzate a far conoscere all’esterno le bellezze della città e le sue tradizioni.

Questo provvedimento anticipa i festeggiamenti autunnali in onore di San Pardo in programma il 17 ottobre, giorno in cui si ricorda la morte del santo vescovo. Il week end sarà occasione per esaltare cultura e storia, come evidenziato dall’assessore Maria Giovanna Civitella.

Nel pomeriggio di domani nella sala Freda, Elena Sinibaldi, referente dell’Ufficio Unesco del Ministero dei Beni e attività culturali, illustrerà i principi, i sistemi di governance e i processi partecipativi di comunità necessari al riconoscimento di un evento come bene immateriale. L’antropologa Letizia Bindi avrà modo di presentare il progetto che lega animali, uomini e fiori. Seguirà la proiezione di un docufilm davanti alla Cattedrale, inerente le feste patronali dei comuni partner del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Montecilfone: il metanodotto passa sotto terra. Dubbi di De Chirico e del comitato in difesa del bosco

Il bosco Corundoli di Montecilfone non verrà più sventrato dal passaggio del metanodotto L…