Home Apertura Covid, nuovi cluster al Cardarelli e alla Gea Medica
Apertura - Evidenza - 14 Ottobre 2020

Covid, nuovi cluster al Cardarelli e alla Gea Medica

Non è stato contagiato in ospedale, ma l’infermiere del Cardarelli trovato positivo al Covid, probabilmente, ha già infettato tre suoi colleghi e un anestesista.

Ora, all’ospedale di Campobasso, sono già stati effettuati i tamponi alle persone che sono entrate a contatto con loro, sia tra i rispettivi nuclei famigliari che nel reparto. Il risultato dei primi 45 processati nelle ultime ore ha dato esito negativo. Tuttavia, come ha ribadito lo stesso direttore generale dell’Asrem Florenzano, tutte le procedure per il contenimento e i controlli sono state attivate. L’infermiere della sala operatoria, come gli altri positivi, è stato messo in isolamento.

Altro centro dove sono stati evidenziati positivi è la Gea Medica di Isernia. All’interno dell’istituto due assistiti e un dipendente delle pulizie sono stati trovati positivi dopo il tampone.

I pazienti e i loro contatti sono stati messi in un’ala separata dell’edificio, mentre tutti gli ospiti della casa di cura sono sottoposti a controlli e al momento, dicono dal centro europeo di riabilitazione, non presentano sintomi e segni indicativi, anche rispetto alle loro precedenti condizioni.

Le stanze, i reparti e le zone comuni della Gea Medica sono state sanificate e al momento sono sospese le dimisisoni dei rivoceri, fatta eccezione per i quadri clinici gravi.

Anche per il personale è stato alzato il livello di precauzione.

Dai positivi di ieri, 18 quello evidenziati dall’ultimo bollettino dell’Asrem, il sindaco di Venafro Alfredo Ricci segnala il caso di uno studente del liceo Giordano. Il ragazzo non frequenta la scuola da alcuni giorni e l’istituto ha già avviato le lezioni a distanza per la sua classe.

Dagli ultimi contagi emerge che la maggior parte sono della provincia di Isernia, nel capoluogo il numero più alto di attualmente positivi 28.

I casi sono 5 a Isernia, 3 a Castelpetroso, 3 a Campobasso, 2 a Macchiagodena e uno a Monteroduni, Macchia d’Iasernia, Pesche, Venafro e Sesto Campano. I tamponi processati sono istati 356

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Termoli: lacrime e dolore per l’ultimo saluto a Sara, la città si stringe intorno alla famiglia

Lacrime e commozione a Termoli per i funerali di Sara Favia, la ragazza di 17 anni rimasta…