Home Editoriali ‘Insieme’, nasce un nuovo partito di ispirazione cristiana in Italia e nel Molise
Editoriali - Evidenza - Idee e opinioni - 5 Ottobre 2020

‘Insieme’, nasce un nuovo partito di ispirazione cristiana in Italia e nel Molise

di PAOLO FRASCATORE

La consacrazione di un nuovo soggetto politico è avvenuta a Roma il 3 e 4 ottobre.
Non si tratta dell’ennesimo tentativo di ricostruire la Vecchia Democrazia cristiana, ma la consapevolezza che i cattolici democratici, soprattutto in questi tempi bui, debbano assumere una responsabilità politica nuova rispetto al degrado dell’attuale classe politica nazionale e regionale.
L’iniziativa è partita dal professor Stefano Zamagni, che già il 30 novembre 2019 aveva lanciato l’iniziativa di un’assemblea costituente dei cattolici democratici, poi rinviata per motivi legati all’emergenza Covid 19.
Certo è che l’abbrivio ispiratore del professor Zamagni si colloca non soltanto sulla constatazione dell’irrilevanza politica che hanno assunto i cattolici democratici dopo la fine del Partito Popolare, ma anche sulla necessità di dare all’Italia una classe dirigente seria, preparata, che faccia dell’impegno politico attivo non un trampolino di lancio per carriere personali, bensì una missione senza tornaconto.
A dire il vero, guardando lo scadimento politico nel quale è piombata l’Italia a tutti i livelli e, soprattutto, volgendo lo sguardo al fallimento sia della cosiddetta Seconda Repubblica che al sistema elettorale maggioritario, l’iniziativa politica di un nuovo partito di ispirazione cristiana assume i contorni della necessità non più derogabile.
Si tratta in altri termini di ripartire dalla persona umana, dai problemi della famiglia, dalla rivalutazione dei salari, da un nuovo concetto di Europa che sappia guardare ai popoli e non agli interessi delle banche.
Se poi si volge lo sguardo alla nostra piccola regione, il quadro è ancor più desolante: lo scadimento della classe politica è quasi generale, salvo rarissime eccezioni, dai comuni alla regione.
Ma in questo quadro sempre più nebuloso e sempre più spocchioso da Venafro a Termoli, passando per Isernia e per Campobasso, spesso si vedono in giro, come fantasmi, politici regionali, nazionali ed europei che, muniti sempre di portaborse e con al seguito galoppini della prima e dell’ultima ora, ivi compreso qualche tenore, ostentano serietà attraverso slogans tipo “prima il Molise”; solo che nella più vera realtà forse farebbero bene a dire “prima la poltrona”.
Ed allora, più che lanciare slogans che ormai i cittadini del Molise hanno capito perfettamente, si cominci con il dimezzare gli stipendi dei consiglieri e degli assessori regionali; col tagliare privilegi che continuano per generazioni; si cominci a programmare con serietà lo sviluppo dei nostri diversi territori; si cominci con il praticare una politica morale per il bene di tutti e non dei propri clientes.
Il nuovo partito “Insieme” vuole essere tutto questo.
Da Roma è partita l’iniziativa. Nel Molise si partirà a breve.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Montecilfone: il metanodotto passa sotto terra. Dubbi di De Chirico e del comitato in difesa del bosco

Il bosco Corundoli di Montecilfone non verrà più sventrato dal passaggio del metanodotto L…