Quando l’opera sarà completata, l’annuncio del sindaco di Campobasso è per il 2021, saranno passati oltre 30 anni dall’avvio del progetto iniziale.
La chiusura dell’anello stradale che circonda la città, nel tratto nord della tangenziale, è un traguardo ormai a vista. Dal 24 luglio sono ricominciati i lavori dell’impresa che si è aggiudicata l’appalto, finanziato dal governo con 18milioni di euro nel 2015, ma rallentato da alcune lungaggini e dalle inevitabili perizie di variante.
Il cantiere, dopo i via libera amministrativi e le verifiche chieste dall’impresa, sarebbe potuto ripartire anche prima, ma l’emergenza sanitaria lo aveva di nuovo bloccato.
Il sindaco Gravina ha annunciato che la tangenziale nord potrà essere completata entro il 2021. Con il Terminal dei Bus, è una delle maggiori incompiute della città e proprio nella zona di Campobasso dove si è registrata la più forte espansione degli ultimi decenni, quella industriale, potrebbe rappresentare una valvola di sfogo importante per la viabilità cittadina.
Dallo stadio alla zona industriale, con l’interconnessione della fondovalle del Rivolo e delle due maggiori statali. Negli anni ’90, ci si accorse che i due tronconi che si sarebbero dovuti allacciare proprio all’altezza di Selva Piana non combaciavano ed erano distanti l’uno dell’altro un centinaio di metri. Fino ad oggi il tratto di tangenziale, diventato dal punto di vista progettuale ormai già superato, si interrompe poco dopo lo stadio. Se non interverranno nuovi ostacoli, l’opera sarà consegnata alla città il prossimo anno.

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…