Home Attualità Camerunense segue malvivente e lo fa arrestare dalla Polizia, il Questore lo ringrazia: “Un esempio”
Attualità - Cronaca - Evidenza - 18 Settembre 2020

Camerunense segue malvivente e lo fa arrestare dalla Polizia, il Questore lo ringrazia: “Un esempio”

Sangue freddo e senso civico. Ma anche voglia di rendere giustizia a quel malcapitato preso a martellate e alla donna rapinata della sua auto al semaforo.
E’ stato un uomo del Camerun, nato in Africa ma da qualche tempo residente a Campobasso, a rendere possibile l’arresto dell’autore di una rapina e di un’aggressione che si è verificata la settimana scorsa al Terminal dei bus.
I fatti si sono svolti in rapida successione. Il giovane termolese, ha prima aggredito per futili motivi un uomo che stazionava nei paraggi del Terminal, prendendolo sulla testa. Poi per fuggire, ha aperto lo sportello di un’auto in coda al semaforo di via San Giovanni, poche decine di metri più avanti, ha minacciato e trascinato fuori dall’auto la donna che era alla guida scaraventandola a terra ed è scappato sulla sua auto.
Ed è qui che è entrato in azione il camerunense, che non ci ha pensato due volte e ha cominciato a seguire il rapinatore. E dallo smartphone ha chiamato il 113. E così, tenendosi in contatto con la sala operativa della questura ha raccontato cosa accadeva e, soprattutto, dove andava il rapinatore. Le Volanti della Polizia, in poco tempo hanno individuato e raggiunto il rapinatore, fermato e arrestato a pochi chilometri da Campobasso sulla Bifernina.
Il Gip ha convalidato l’arresto e le accuse di tentato omicidio nei confronti dell’uomo preso a martellate che per fortuna se la caverà, e di rapina e lesioni ai danni della donna a cui ha rubato l’auto dopo averla strattonata a terra. Il questore di Campobasso, Giancarlo Conticchio, si è voluto congratulare di persona con il camerunense a cui ha espresso profondo apprezzamento per per dato prova di un coraggio non comune e di un alto senso civico che ha consentito di assicurare alla giustizia il malvivente.
Un esempio per tutti, ha detto il questore, di piena integrazione e di completa adesione ai valori fondanti dell’intera società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Montecilfone: il metanodotto passa sotto terra. Dubbi di De Chirico e del comitato in difesa del bosco

Il bosco Corundoli di Montecilfone non verrà più sventrato dal passaggio del metanodotto L…