Home Evidenza Termoli, ambiente e rifiuti: il Comune decide per il pugno duro
Evidenza - 9 Settembre 2020

Termoli, ambiente e rifiuti: il Comune decide per il pugno duro

“Un anno fa abbiamo trovato la città come una discarica a cielo aperto senza regole e programmazione territoriali”. Così l’assessore all’Ambiente Rita Colaci ha fotografato la situazione a Termoli. Un anno dopo parla di un concreto miglioramento dei servizi e degli interventi, dal verde pubblico alla raccolta dei rifiuti al 73 per cento. Positivo il riscontro per tante famiglie che rispettano il calendario, pugno duro verso chi continua ad abbandonare rifiuti o, come avvenuto durante l’estate, non consegna i contenitori ai turisti-inquilini delle case in affitto. Controlli, fototrappole, multe, via i bidoni e mastelli a tutti, isola ecologica al porto.
Un settore, diretto dal Silvestro Belpulsi, riorganizzato nel suo insieme con l’inserimento di tutte le figure chiave e la piena collaborazione con la Polizia municipale, la Rieco, la società del verde e le guardie ambientali.
Resta l’annoso problema del depuratore del porto e delle numerose segnalazioni arrivate anche nel corso dell’estate da residenti e turisti in una città che ha visto triplicare – ha affermato la colaci – il numero dei bagnanti e punta a riconquistare la bandiera blu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il mondo alla deriva

 Di Angelo Persichilli Si dice che in tempesta si vede il vero marinaio e nella tempesta d…