Home Sport Calcio, colpo da novanta, Sforzini è un giocatore del Campobasso
Sport - 9 Settembre 2020

Calcio, colpo da novanta, Sforzini è un giocatore del Campobasso

Oggi il via alla preparazione atletica dell'Olimpia Agnonese

Il Campobasso ha chiuso per il prestigioso acquisto dell’attaccante Ferdinando Sforzini, la punta tanto richiesta da Cudini, inseguita con forza da Mandragora e de Angelis e tanto attesa dalla tifoseria rossoblu. La risposta affermativa da parte dell’ex Palermo è arrivata dopo giorni di trattative anche frenetiche a cui hanno fatto seguito giorni di pausa per delle riflessioni riservate di Sforzini che ha voluto tenere in considerazione come primo, fra i criteri per accettare, la distanza dalla sua residenza di Viterbo. È un pezzo da novanta per la rosa rossoblu che sicuramente arricchisce la qualità, la tecnica, ma anche il bagaglio di esperienza utile per affrontare un campionato di livello come quello che vuole fare il Campobasso. Certamente la tifoseria può essere soddisfatta per un acquisto di un certo calibro e che probabilmente poco ha da dividere con la serie D. La vita calcistica del tretaseienne Nando Sforzini, originario di Tivoli, è trascorsa in gran parte sui campi di serie C e serie B con le maglie di Pescara, Ravenna, Modena, Grosseto, Pescara, Latina, Entella. Esordio in B il 26 agosto 2005 in Verona – Avellino
con la maglia dei campani. Il sette agosto 2009 viene ingaggiato dal Bari che disputa il campionato di serie A ed esordisce a San Siro in un Inter Bari terminato 1-1. Negli ultimi due anni la discesa in quarta serie dove l’ambientamento è stato rapido e felice con le maglie di Avellino e Palermo, due promozioni consecutive. Chissà che il Campobasso non abbia messo gli occhi addosso a Sforzini anche per un fatto scaramantico viste gli ultimi due campionati vinti. Con la maglia dell’Avellino con cui Sforzini ha avuto da sempre un feeling costante nel 2018/2019 ha totalizzato ventinove presenze ed undici gol. Mentre nell’anno calcistico cristallizzato per la pandemia, Sforzini, a Palermo, ha giocato quattordici gare segnando cinque reti. La trattativa è stata condotta con pazienza dalla dirigenza rossoblu, segnatamente dal direttore sportivo De Angelis che non ha mai accusato un tentennamento anche nei giorni privi di novità sostanziali. Il giocatore è non solo la ciliegina sulla torta, ma anche l’ultimo componente dell’attacco campobassano. La squadra è davvero molto vicina ad una sua definitiva composizione. Confermata l’uscita con il Campodipietra in programma domani alle 16:00 nel comune alle porte di Campobasso sul nuovo sintetico inaugurato dalla squadra di casa domenica scorsa in Coppa Italia Molise.

 

Rimangono incerte le date di inizio dei campionati di Lega Pro e serie D, due tornei strettamente connessi fra loro. Sull’argomento è intervenuto ieri a mezzo stampa il legale del Foggia, l’avvocato Chiacchio il quale ha affermato che l’appello avverso alla sentenza del tribunale federale del 31 agosto per l’illecito commesso Da Bitonto e Picerno, si terrà a Roma venerdi prossimo 11 settembre su richiesta della procura federale e dello stesso Bitonto. Il processo di appello si terrà in presenza e non in video conferenza come era previsto in un primo momento. Venerdi conosceremo, dunque, la sentenza di appello sulla combine dello scorso campionato. È probabile che a questo punto i tempi tecnici per stilare gironi e calendari di serie C e serie D ci possano essere. Staremo a vedere.

Stefano Senigagliesi

L’Olimpia Agnonese potrebbe essere lieta di questa evenienza che deve trovare conferma nella realtà. La rosa è prossima al raduno che avverrà domani ad ora di pranzo, mentre nel pomeriggio via agli allenamenti agli ordini di Senigagliesi. Il neo allenatore ed il suo vice Tesei sono già in alto Molise da qualche giorno e sono rimasti ben impressionati dalla cittadina alto molisana e dalle sue bellezze. Va detto
e ribadito che l’Agnone è un patrimonio collettivo e come tale va preservato e difeso in vista del futuro. Quest’anno le difficoltà legate alla partecipazione in serie D non sono state poche, ma gli sforzi per superarle hanno ricevuto il giusto premio. L’appello in questione a tutelare il patrimonio non solo calcistico dell’Olimpia proviene anche dal vice presidente con delega al settore giovanile Fernando Sica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Basket femminile A1, La Molisana Basket vince contro il Battipaglia

Doveva invertire la rotta e doveva conquistare il primo successo davanti il pubblico di ca…