Home Attualità Vino e tartufo: eccellenze molisane su cui puntare
Attualità - Evidenza - 4 Settembre 2020

Vino e tartufo: eccellenze molisane su cui puntare

di Giovanni di Tota

 

Vino e tartufo. Due gemme della nostra terra su cui alcuni illuminati imprenditori hanno scommesso qualche decennio fa e oggi possono dire di aver avuto ragione, anche a dispetto di una politica regionale non sempre attenta a questi due prodotti di eccellenza.
Da domani cominciano a Campobasso gli stati generali del tartufo. Una due giorni organizzata dalla Regione e dall’associazione nazionale Città del tartufo. Nel corso degli eventi, verrà presentato e illustrato il dossier della candidatura a patrimonio culturale e immateriale all’Unesco della cerca e cavatura del tartufo.
Una vetrina importante per il Molise – ha commentato l’assessore Cavaliere – in un evento che proietterà Campobasso all’attenzione nazionale e internazionale per il tartufo.
Va detto che da tempo la nostra regione è in vetta alle classifiche mondiali per la produzione del nero, che poi in varie forme viene acquistato dai venditori e trasformatori piemontesi e venduto come tartufo d’alba. Ottimi anche i risultati per il bianco che, solo da qualche anno per merito delle iniziative dell’Alto Molise, ha conquistato visibilità e mercato. Resta da lavorare al certificato di origine e a radicare sempre di più il prodotto al territorio in modo da identificare il tartufo nero con il Molise.
Per quanto riguarda il vino, anche in questo settore sono stati compiuti passi da gigante soprattutto grazie alla Tintilia e a chi ci ha creduto, la vendemmia si annuncia con il segno positivo.
Lo rivela la previsione di Assoenologi, Ismea e Unione italiana vini condotto a livello nazionale.
“L’andamento stagionale – secondo il rapporto – ha consentito una buona gestione dei vigneti che appaiono ad oggi in ottima salute”. La previsione si attesta su un leggero incremento, +2% rispetto al 2019, che porterà alla produzione di 233mila ettolitri rispetto ai 227mila del 2019.
“I primi dati analitici sulle uve sono confortanti per il grado di maturazione raggiunto, il che – è spiegato nel documento – fa ben sperare sul livello qualitativo del vino”. E i viticoltori del Molise sono già nel pieno della vendemmia

Potrebbe interessanti anche:

Centro Covid a Larino, arriva la bocciatura degli ispettori del ministro Speranza

E’ arrivata sul tavolo del Commissario ad Acta per la Sanità, Angelo Giustini, e su …