Termoscanner e gel igienizzante all’ingresso. Misure antiCovid anche per entrare in una vera e propria casa di appuntamenti scoperta dalla Guardia di Finanza in pieno centro a Termoli. Una donna di circa quarant’anni, cinese, è stata arrestata e si trova ai domiciliari. Deve rispondere del reato di sfruttamento della prostituzione.

Le indagini, coordinate dal procuratore di Larino, Isabella Ginefra, sono state condotte dai finanzieri del comando provinciale guidati dal colonnello, Antonello Cefalo e dai militari della Compagnia di Termoli diretta dal capitano, Alessia Iacomino.

Tutto è partito da annunci pubblicati su internet in cui veniva pubblicizzato un sito di incontri con i numeri di telefono da contattare. Appostamenti e riscontri da cui i finanzieri hanno scoperto che il locale, aperto fino a tarda notte, era frequentato da soli uomini e all’interno dell’appartamento affittato in centro si prostituivano ragazze cinesi.

L’intervento della Guardia di Finanza ha così scoperto il giro di prostituzione portando alla misura cautelare emessa a carico della donna in attesa dell’interrogatorio.

Sono in corso ulteriori accertamenti, da parte delle Fiamme Gialle, che rinnovano le attività sul territorio anche con il sequestro dei proventi maturati dalle attività illecite.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 27 nuovi positivi e 19 guariti. al via prenotazioni terze dosi per chi ha da 18 anni in su

Sono 917 i tamponi refertati, da cui sono emersi 27 nuovi positivi. Torna a salire il nume…