Un successo di partecipazione e cose dette. Così “ Capabball’ “, la passeggiata da nord a sud nel centro storico di Venafro svoltasi ieri per iniziativa de “I Venafrani per Venafro” che ha coinvolto tantissimo, interessando per quanto illustrato ed appreso. A condurre la camminata ha provveduto il prof. Mario Giannini, soffermatosi sulle tante particolarità della Venafro antica. Da Piazza Totò al rione Colle, dall’edicola votiva ai Santi Martiri Nicandro, Marciano e Daria alla chiesa di San Paolo, dal quartiere Manganelle alla chiesa del SS. Viatico, al cui interno nel 1986 era avvenuto il furto dello storico Busto argenteo del Patrono San Nicandro, mai recuperato tanto da indurre i venafrani a tutta una serie di iniziative per la realizzazione del nuovo Simulacro avvenuta l’anno successivo, nel 1987. L’attenzione dei partecipanti si è spostata quindi sulla Casa di Totò nella finzione cinematografica de “La legge è legge”, il film girato nel 1956 a Venafro e rimasto nel ricordo di tutti, prima d’interessarsi a “ I ruar’ r‘ Sant’ Iann’ “, altra tipicità storica venafrana, da dove si è scesi sulla Via “ P’ Rent’ , un tempo il corso principale della città coi suoi tanti artigiani e le numerose botteghe commerciali. Si sono poi raggiunte le chiese di S. Agostino e di Sant’Antuono, ricordandone in quest’ultima la presenza nel 1911 dell’allora 24enne P. Pio per confessarvi, intrattenere fanciulle e fanciulli della parrocchia ed insegnare loro le canzoncine mariane, coinvolgendone tanti a dimostrazione della positività del proprio carattere. La comitiva si è successivamente spostata a “ I cuanal’ “ e ai “Cuap’ Croce “, altre tipicità sociali e storiche della Venafro antica, prima di raggiungere il rione Porta Nova e “ I Vich’ ri’ zingher’ “, oggi assai accogliente ed ospitale grazie all’impegno di quanti vi abitano. La conclusione, con gli applausi e i ringraziamenti al prof. Giannini per quanto illustrato, al rione Ciaraffella. Da tale quartiere, si ricorda, si partirà lunedì prossimo 7 settembre (ritrovo h 17,30) per “ Capammont’ “, la conclusiva passeggiata in ascesa nella Venafro antica per proporre altre zone, altre storie ed altri personaggi dei tempi andati venafrani.
Tonino Atella

Potrebbe interessanti anche:

Poggio Sannita non ricorda il Giorno della Memoria, Palomba: “Ancora una volta silenzio”

Poggio Sannita non ha ricordato l’importante Giornata della Memoria. A sottolinearlo…