La Conferenza Unificata convocata dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha approvato all’unanimità il documento elaborato dall’Istituto superiore di sanità sulla gestione di casi di contagio da coronavirus nelle scuole. Resta aperto il dibattito sui trasporti, un tema che non era all’ordine del giorno. Le Regioni hanno avanzato al governo una sorta di ultimatum chiedendo un accordo “entro 48 ore”. Il Governatore del Molise Toma al termine della riunione ne ha commentato l’esito.

“Il Governo ha accettato le raccomandazioni della Conferenza delle Regioni da me presieduta il 27 agosto – ha detto – e ha accettato anche la piccola condizione che avevamo posto nel non indicare, per i bambini da 0 a 6 anni, i piccoli gruppi ma i gruppi liberamente formati o costituiti dai responsabili didattici e questa è una cosa importante, perchè consente una certa flessibilità nel costituite appunto i raggruppamenti in quella fascia di età particolarmente delicata, il tutto in sicurezza”.
Sul tema trasporti poi Toma ha precisato che è stato deciso tra Governatori e Ministro Boccia che entro lunedì mattina ci sarà una Conferenza Stato-Regioni per definire l’intesa sulle linee guida che ci proporrà il Comitato Tecnico Scientifico attraverso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. “Domani (Sabato 29) – ha continuato – avremo una Conferenza delle Regioni per discutere proprio di trasporti con un occhio particolare alle scuole e a quanto verrà deciso in queste ore”

La riapertura delle scuole è fissata per il 14 settembre, ma tutto è ancora in divenire e diversi Governatori, alla luce dell’aumento dei contagi, spingono per un rinvio. Tutti concordano che il rientro in classe debba avvenire in assoluta e totale sicurezza. “Se le cose rimangono così – ha spiegato Toma – e le incertezze non sono tutte spazzate via, qualche Presidente di Regione chiede giustamente il rinvio e anche io potrei aggiungermi al coro, ma se le cose evolvono, come io spero, nelle prossime 48 ore verso una definizione delle modalità per il trasporto degli studenti, penso si possa rispettare la data del 14”. Insomma Toma come altri Governatori resta alla finestra e aspetta l’evoluzione delle cose, sia riguardo i contagi sia riguardo le linee che si adotteranno per garantire la sicurezza.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia – Disagi al Pronto soccorso, Pastore: lavoriamo in condizioni pericolose per noi e i pazienti

Disagi al Pronto Soccorso di Isernia dove si e’ formata una fila di 30 pazienti, alc…