Ieri rima giornata della campagna di screening sierologico per il personale della scuola molisana. Buona l’affluenza grazie alla procedura messa in campo, in brevissimo tempo, dall’ASReM, a fronte di un notevole sforzo organizzativo e di personale, già peraltro assorbito dall’attività di emergenza Sars Cov2.

Agli utenti sottoposti a test è stato rilasciato referto medico attestante l’esito. Le attività hanno fatto registrare uno svolgimento regolare e sono stati evitati assembramenti o file. Allo stato attuale, non risultano criticità in merito al sistema di prenotazione dei test predisposto dall’ASReM e alla mail attivata allo scopo.

Soddisfazione è stata espressa agli operatori da parte del personale scolastico che si è recato presso gli ambulatori dedicati. Dall’Azienda sanitaria regionale arriva la segnalazione che diversi utenti prenotati non si sono presentati. Ciò provoca arresti nella catena delle attività e nella organizzazione degli ambulatori. Pertanto, l’invito rivolto a coloro che si prenotano è quello di presentarsi all’appuntamento, salvo improcrastinabili motivi familiari o di salute, da comunicare tramite mail dedicata.

Sebbene il test sia effettuato su base volontaria, l’appello che viene rivolto al personale docente e ATA è quello di aderire alla campagna di screening, perché più persone si sottopongono al test, più dati si riusciranno a raccoglie per riaprire le scuole in tutta sicurezza.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, tornano a salire i nuovi casi. Ma aumenta il numero dei guariti

Torna a salire il numero dei contagi in Molise, con 235 nuovi casi, di cui 58 a Campobasso…