E’ già stata definita una giornata storica. Questa mattina allo Spallanzani di roma è ufficialmente partita la sperimentazione sull’uomo del vaccino anti-Covid tutto ‘made in Italy’. E nel gruppo di esperti che ha avviato questa speriementazione anche stavolta c’è la ricercatrice molisana Francesca Colavita (la stessa che lo scorso inverno aveva isolato per la prima volta il virus in Italia).

Proprio pochi minuti dopo la somministrazione della prima dose al primo volontario avvenuta intorno alle 9 di stamane, la dottoressa campobassana ha confermato a Telemolise di essere nel team e di essere orgogliosa di farne parte. Presenti all’avvio dei test il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l’assessore regionale alla Sanita’ Alessio D’Amato e i vertici dell’Istituto per le malattie infettive della Capitale, eccellenza nella lotta al nuovo coronavirus.

Se tutto avverrà nei tempi programmati il vaccino potrebbe essere prodotto e disponibile per tutti in primavera. Il primo volontario a cui stamattina è stata inoculata la dose è stato tenuto in osservazione per 4 ore da una equipe poi è tornato a casa e verra’ monitorato per 12 settimane. Mercoledi’ si proseguirà con altri due volontari e cosi’ a seguire tutti gli altri fino a 24 settimane. Poi se tutto andra’ bene ci saranno la seconda e la terza fase di sperimentazione che probabilmente si farà in un paese dell’America Latina dove il virus e’ in crescita.

Potrebbe interessanti anche:

Borsa internazionale del turismo 2023. Il Molise in vetrina a Milano

Appuntamento per il Molise alla Bit di Milano, la borsa internazionale del turismo che si …