Sono sempre più evidenti e impellenti i bisogni dei soggetti affetti dai disturbi dello spettro autistico e delle loro famiglie. “Nel territorio della provincia di Isernia – fa notare il presidente della quarta commissione consiliare della regione, Filomena Calenda – non esiste una struttura specializzata per la diagnosi e il trattamento dei disturbi connessi all’autismo. Nonostante un aumento di casi – spiega ancora la Calenda – la regione non ha mai pensato di realizzare un centro socio educativo che prendesse in carico tali soggetti. Le famiglie sono costrette a rivolgersi a presidi fuori dai confini provinciali e qualche volta anche extra regionali”.  Per questo la Calenda ha esortato, con una nota inviata alla Regione e alle istituzioni competenti, risposte per le tante istanze che arrivano dal territorio.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, raccolta firme per l’associazione “Non ti scordar di me”

L’associazione Non ti Scordar di me, in Piazza Stazione oggi a Isernia per una raccolta fi…