Home Cultura Molise: un tuffo tra le minoranze linguistiche di origine croata
Cultura - Evidenza - Travel - 8 Agosto 2020

Molise: un tuffo tra le minoranze linguistiche di origine croata

 

di LIA MONTEREALE

Iniziamo il nostro viaggio di oggi alla scoperta di quella parte di Molise forse poco conosciuta ma che conserva un fascino lungo millenni. È il Molise delle minoranze linguistiche e oggi andiamo a conoscere insieme quelle di origine croata. Eh già, perché nel Molise la comunità slava ha conservato nei secoli le proprie tradizioni e il proprio idioma, lo stocavo, dialetto risalente al 1400. È ancora possibile trovare indicazioni municipali e commerciali scritte sia in italiano che in slavo. È un’esperienza davvero affascinante e suggestiva. La prima tappa del nostro viaggio ci porta ad Acquaviva Collecroce. Il nome di questa cittadina fa riferimento all’abbondanza delle sorgenti d’acqua che attraversano questo comune molisano e al colle della Croce che ricorda il sacrificio del Cristo Salvatore. Della tradizione slava ancora oggi si conservano alcuni canti e tradizioni come la festa del “Maja” del 1 Maggio che dà il benvenuto al nuovo mese. Per l’occasione, la Pagliara, che personifica Maggio, decorata con fronde verdi, rami e fiori freschi, sfila per le vie del paese portando fortuna, abbondanza e buoni auspici. Il tutto si svolge all’interno di una splendida cornice fatta di canti, balli e della gioia dell’intera comunità. Il Mája di Acquaviva Collecroce ha un aspetto antropomorfo e presenta anche la testa e le braccia. Per informazioni e approfondimenti è possibile consultare i seguenti link:

Comune di Acquaviva Collecroce
Italiani dell’Altrove dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale del MiBACT
Segretariato Regionale MiBACT per il Molise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Recupero reti e funi dismesse, attivato il servizio al porto di Termoli

TERMOLI. Un’area al porto di Termoli per recuperare reti e funi dismesse. Un modo concreto…