Home Attualità LA CURIOSITÀ. A Capracotta è arrivato il “bambulto”, metà bambino e metà adulto

LA CURIOSITÀ. A Capracotta è arrivato il “bambulto”, metà bambino e metà adulto

Ed ecco la “pazza e simpatica idea” di questa caldissima estate 2020, anche se un po’ contratta in quanto a iniziative stante il covid che ancora frena e fa paura. Arriva da Capracotta, accogliente Comune montano dell’interno del territorio isernino, meta nel periodo di quanti vanno alla ricerca di frescura rigenerante. In tale centro vive un personaggio che definire sui generis, particolare è decisamente poco. E’ persona a modo, il nostro di cui di seguito diremo, e non nuovo a stravaganze originalissime. Lo si ricorda mangiare saporitamente verdura venafrana appena cucinata dinanzi ad un bar di tale città e subito dopo sempre a Venafro mettersi in tutta tranquillità a lavorare a maglia, ancora dinanzi al predetto bar, per confezionarsi una maglia in vista dell’autunno/inverno capracottese. E quello stesso giorno, ancora il personaggio, vestiva un abito particolarissimo ed assai originale da lui stesso ideato e costituito da stoffa per tenda casalinga con cui aveva realizzato maglietta e pantaloni. Questa volta Antonio D’Andrea da Capracotta, sono le sue generalità, si è addirittura superato ! E’ infatti diventato, divertendosi com’è suo costume, un raro esemplare di “Bambulto”, definizione da lui stesso ideata ed attribuitasi. Il “Bambulto” in effetti é soggetto metà bambino e metà adulto ed Antonio D’Andrea per essere maggiormente credibile, e dare l’idea della sua novità, non ci ha pensato tanto su. Come da foto allegata, si è sbarbato solo da un lato del viso in modo da assumere una sorta di duplice e divertente volto. In tal modo è diventato “barbuto adulto” da un lato e “bambino glabro” dall’altro ! Soddisfatto lui, il buon Antonio neo “Bambulto”, soddisfatti tutti noi altri ! Tonino Atella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Lucio Pastore: “Elisoccorso non decisivo per salvare la vita al bambino di Venafro”

L’undicenne venafrano ricoverato al Santobono di Napoli continua la sua lotta per la vita …