Home Attualità Banca delle Terre, aderisce un quarto dei comuni molisani
Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 30 Luglio 2020

Banca delle Terre, aderisce un quarto dei comuni molisani

Il 25% dei Comuni molisani aderisce al  Progetto SIBater, Supporto Istituzionale all’attuazione della Banca delle Terre e realizza in Molise un’importante adesione. Ad oggi,  ben il 25% dei Comuni molisani, per un totale di 34 Comuni , aderisce al Progetto SIBaTer -Supporto Istituzionale all’attuazione della Banca delle Terre, il progetto gestito da ANCI-IFEL  finanziato dal Programma complementare al PON Governance 2014-2020, che fornisce supporto ai Comuni del Mezzogiorno per il censimento e la valorizzazione dei terreni abbandonati e/o incolti disponibili sul territorio comunale. Grazie al contributo di sensibilizzazione di due importanti GAL Molisani, il GAL Molise verso il 2000 di Campobasso,  guidato dal Dott. Adolfo Colagiovanni ed il GAL Alto Molise di Agnone, guidato dall’Arch. Mario Di Lorenzo, parteciperanno al Progetto i Comuni di: Baranello, Busso, Campolieto, Castropignano, Civitacampomarano, Fossalto, Jelsi, Mirabello Sannitico, Molise, Montefalcone nel Sannio, Riccia, Ripalimosani, Roccamandolfi, Spinete, Tufara, Vinchiaturo per il Gal Molise Verso il 2000; la totalità dei Comuni dell’area Leader del Gal Alto Molise, Agnone, Belmonte del Sannio, Capracotta, Carovilli, Castel del Giudice, Castelverrino, Chiauci, Civitanova del Sannio, Forlì del Sannio, Pescolanciano, Pescopennataro, Pietrabbondante, Poggio Sannita, Rionero Sannitico, Roccasicura, San Pietro Avellana, Sant’Angelo del Pesco, Vastogirardi. Anche gli altri due GAL Molisani, il GAL Molise Rurale  e il GAL  InnovaPlus,  guidati rispettivamente dalla Dott.ssa Margherita Pallotta e dalla dott.ssa Giovanna Lepore hanno manifestato interesse a contribuire al Progetto, con azioni di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei Comuni soci del GAL. I Comuni del Molise che hanno deciso di intraprendere il percorso progettuale di ANCI- IFEL prevedono di recuperare e mettere a sistema  per la valorizzazione, aree protette inutilizzate,  patrimoni boschivi, terreni agricoli di consistente estensione ad oggi abbandonati e/o inutilizzati che si trovano in aree a forte vocazione di sviluppo. L’incontro con la realtà territoriale molisana, ha restituito l’immagine di un tessuto sociale ed amministrativo vitale,  pronto a mettersi in gioco e a misurarsi con le sfide del futuro. In un momento storico connotato da fragilità economica e sociale, e forte spopolamento dei territori, i Comuni molisani  hanno  deciso di voler essere in prima linea per dare un risalto a quello che fino ad oggi è sempre sembrato un handicap, il distanziamento naturale che le piccole comunità locali vivono da sempre,  ma che in seguito alla pandemia si è rivelato  un valore aggiunto a tutela del benessere e della salute dei cittadini molisani.  Qualsiasi amministrazione locale, che abbia colto l’importanza di questa opportunità, ha deciso di farsi padrona del proprio destino, restituendo  alle aree marginali ed interne, una possibilità di riscatto, che passa attraverso l’uso nobile e sostenibile del “capitale terra”. Oggi SIBaTer ha anche il piacere di  informare che è on line il sito web di Progetto al link www.sibater.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Lucio Pastore: “Elisoccorso non decisivo per salvare la vita al bambino di Venafro”

L’undicenne venafrano ricoverato al Santobono di Napoli continua la sua lotta per la vita …