Silenzio e dolore a Portocannone dove si sono svolti i funerali di Paolo Rotoletti morto a 15 anni in un incidente con lo scooter avvenuto lungo la strada di Rio Vivo a Termoli. L’intera comunità e tantissimi amici giunti da diversi comuni hanno partecipato alla messa celebrata all’aperto in piazza Skanderberg. Commozione e profonda vicinanza ai genitori Marco e Cinzia, alla sorella Chiara, ai nonni, agli zii. Un giovane nel pieno della vita: l’amicizia, gli scherzi, la passione per i cavalli e per il carro dei giovani posto accanto all’altare. Una forza della natura, travolgente, pieno di entusiasmo.

Segni e volti di un dolore che non si può spiegare, lo striscione dedicato dagli amici “Anche se ci hanno spezzato le ali, cammineremo sopra queste nuvole”.

La messa è stata celebrata da don Stefano Chimisso, già viceparroco del paese, insieme a don Renato Grecu e ad altri tre sacerdoti. Don Stefano ha conosciuto Paolo e lo ha ricordato commosso per il suo modo di fare scherzoso e sempre presente.

Nulla di umano e razionale può aiutarci in questo momento – ha affermato il sacerdote – ma solo il Vangelo ci dà la speranza che Paolo vive in Dio, in quella vita piena dal valore inestimabile invisibile agli occhi ma percepibile al cuore”.

Lui, angelo tra gli angeli – ha aggiunto don Stefano – ci invita a metterci in ricerca e in cammino per spendere energie e forze per ciò che realmente conta e a Paolo chiediamo di donare la pace alla sua famiglia e ai tanti amici che si è conquistato, certi che un giorno ci riabbracceremo in cielo”.

Il sindaco di Portocannone, Giuseppe Caporicci, ha proclamato due giorni di lutto cittadino.

Per Paolo Rotoletti tanti gesti di amore e vicinanza e un abbraccio condiviso tra il volo delle colombe, palloncini bianchi e azzurri come il colore del carro dei Giovani e la canzone A parte te di Ermal Meta.

Il video del tg di Telemolise:

Potrebbe interessanti anche:

Termoli,elezioni 2022: persone in fila dalle prime ore del mattino. A mezzogiorno affluenza in lieve calo

Scheda elettorale e ombrello alla mano e in fila davanti ai seggi fin dalle prime ore del …