Il nuovo assalto notturno dei soliti ignoti, ad un anno di distanza dal primo furto, alla piscina provinciale di via S. Ormisda a Venafro, gestita da Swim Academy. Ne parlano gli stessi componenti di tale società sportiva. “Sono state danneggiate – affermano da Swim – varie porte docce e gli spogliatoi, nonché la porta di accesso, la segreteria e la direzione, per finire con una delle porte laterali utilizzate per accedere”. I danni e gli ammanchi in totale ? “Lo scorso anno avendo subìto altro furto nel 2019 -spiega sempre la Swim Academy- si erano caricati la cassaforte, questa volta non hanno trovato niente, ad eccezione di pochi euro, per cui hanno procurato solo danni per un migliaio di euro”. Un’idea su chi possa trattarsi? “Impossibile dirlo. Ovviamente sono state informate le forze dell’ordine che hanno provveduto a sopralluoghi e rilievi del caso”. Considerazioni dopo l’ennesimo furto ? “Dobbiamo riparare e rimettere in sesto, sperando che la cosa non si ripeta. Intanto fa male pensare che c’è gente pronta a delinquere, tornando per l’ennesima volta sul luogo del primo misfatto”.
Tonino Atella

Potrebbe interessanti anche:

Covid, scende la curva del contagio. Intanto Toma approva il decreto che prevede 50 milioni del Por

Non accadeva da settimane: numero di casi inferiore a 100 e tasso di positività che scende…