Probabilmente la villa comunale di Chiauci non è mai stata così bella. Per la gioia dei più piccoli i giochi sono stati rimessi a nuovo e in sicurezza. L’idea di abbellire e rendere pienamente fruibile questa area alle porte del paese è stata di Giuseppe Colabuono, un ebanista che vive Roma, rimasto molto legato al suo paese di origine. Il suo gesto è stato molto apprezzato dalla comunità chiaucese. Vedere i bambini così felici è una cosa che non ha prezzo. Il sindaco, Alessandro Di Lonardo, ha ringraziato il suo concittadino donandogli una targa ricordo. A margine della cerimonia inaugurale lo stesso Di Lonardo ha annunciato l’intenzione di proporre al consiglio comunale di intitolare la villa comunale a Carmine Di Vincenzo – già primo cittadino di Chiauci – in segno di riconoscenza per i suoi studi che hanno permesso di riscoprire e tramandare la storia e le tradizioni locali.

Potrebbe interessanti anche:

Castel del Giudice Buskers Festival: il programma dell’edizione 2022

Spettacoli sorprendenti attendono il pubblico del Casteldelgiudice Buskers Festival, che i…