Home Evidenza Turismo, Cotugno: “Nostro Piano strategico si svilupperà in sei anni”. Primiani: “Passare dalle parole ai fatti”
Evidenza - Regione - 14 Luglio 2020

Turismo, Cotugno: “Nostro Piano strategico si svilupperà in sei anni”. Primiani: “Passare dalle parole ai fatti”

“L’attuazione del Piano strategico del turismo e della cultura si svilupperà su un periodo di sei anni”. Lo ha detto l’assessore regionale Vincenzo Cotugno, nel suo intervento in Consiglio durante la discussione di uno specifico ordine del giorno, respinto a maggioranza, presentato dal Gruppo del M5s. “Il piano strategico – ha aggiunto – vuole essere la stella polare dello sviluppo sostenibile del Molise e rappresenta uno strumento funzionale alla programmazione regionale secondo le linee di governo del presidente della Giunta Donato Toma portate all’attenzione del Consiglio regionale”. Cotugno si è soffermato anche sull’emergenza sanitaria in atto che ha rallentato le attività. “Abbiamo provveduto a rimodulare il Piano turismo e cultura 2020 – ha detto – giovedì 16 luglio presenteremo il nuovo Avviso con i nuovi parametri. A fine settembre è in programma un aggiornamento, alla luce anche delle disposizioni normative per l’emergenza sanitaria, con il Piano operativo – ha spiegato – su cui Sviluppo Italia Molise sta lavorando. Presenteremo anche una normativa quadro sul turismo che possa dare un corpo legislativo unico nel settore del turismo e cultura. Per quel periodo contiamo anche di aver definito il Piano della comunicazione”.

A Cotugno ha replicato il consigliere del Movimento 5 Stelle Angelo Primiani secondo il quale è ora di “passare dalle parole ai fatti”. “Si continua a parlare al futuro – ha detto – intanto è passato quasi un anno dall’approvazione del Piano strategico del turismo”. Il consigliere ha posto l’accento anche sui contenuti del portale turistico regionale (Visitmolise.eu), evidenziando che “l’ultimo aggiornamento risale al 23 gennaio”. “Bisognava iniziare a lavorare già dal mese di aprile – ha aggiunto – quello era il momento adatto per partire con una campagna promozionale in modo tale da essere pronti a giugno e passare alla fase dei servizi”. In definitiva, è necessario iniziare a ragionare “su come sviluppare i servizi turistici in questa regione”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Domenica a San Pietro Avellana torna la Fiera del tartufo nero, tante le novità

Domenica prossima, 9 agosto, San Pietro Avellana celebra il mondo del tartufo con un inedi…