Un presunto caso di caporalato è sotto la lente dei Carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro e dei colleghi dell’Arma della stazione di Cantalupo nel Sannio, competente per territorio. Un pastore avrebbe lavorato sulla montagna di Roccamandolfi in condizioni precarie. In seguito agli accertamenti da parte dei Carabinieri, l’ispettorato del lavoro avrebbe contestato sanzioni amministrative e penali all’azienda presso la quale il pastore prestava servizio. Sembra che l’uomo vivesse in un casolare in una zona isolata. Si parla anche di servizi carenti all’interno della struttura.

Potrebbe interessanti anche:

Piano sanitario, la Cgil contesta mancata concertazione. Lunedì presidio davanti al Consiglio regionale

Pieno rispetto dei lavoratori della sanità e offerta qualificata e diffusa di servizi: è l…