Home Cronaca Cattedrale di Campobasso, lavori al tetto quasi ultimati. Bregantini: “Speriamo di riaprire la chiesa per i Misteri del prossimo anno”
Cronaca - Evidenza - 14 Luglio 2020

Cattedrale di Campobasso, lavori al tetto quasi ultimati. Bregantini: “Speriamo di riaprire la chiesa per i Misteri del prossimo anno”

Era il 20 novembre di due anni fa: alcuni operai che lavoravano sul tetto del teatro Savoia si accorserso che il tetto della chiesa più importante della città aveva avuto un cedimento. “Poteva essere una tragedia” ha detto oggi l’arcivescovo Giancarlo Bregantini e “invece per fortuna ora il peggio è alle spalle”. I lavori al tetto, quelli più importanti, sono al rush finale e saranno conclusi in autunno. Bregantini ha voluto incontrare la stampa per fare il punto sui lavori alla cattedrale. Con l’arcivescovo c’erano il sindaco Gravina, la soprintendente del Molise Dora catalano, il parroco della cattedrale don Michele Tartaglia. Il primo cittadino ha annunciato impegno dell’amministrazione comunale per realizzare una illuminazione della facciata della chiesa. Ancora incertezza però sui tempi necessari per restituire la cattedrale alla città. Bregantini non si è sbilanciato ma ha un obiettivo: “Sarebbe bello poterla riaprire in occasione dei Misteri del prossimo anno”. I lavori al tetto invece saranno ultimati entro l’autunnno.

Dopo il primo allarme di due anni fa la Sovrintendenza di Campobasso si attivò per la messa in sicurezza per un importo di 160 mila euro. Il progetto per la realizzazione dei lavori del primo lotto funzionale è stato affidato dalla Parrocchia Santa Maria Maggiore in Campobasso, ente ecclesiastico proprietario della Chiesa Cattedrale, all’ingegnere Ernesto Minucci, all’architetto Antonio Gianfelice, al geometra Roberto De Santi e all’ingegnere Fabrizio Aceto. Incaricato per l’edilizia di culto diocesano per i contributi Cei: l’architetto Alberto Di Tommaso. L’impresa appaltatrice è la Giovanni Iacobucci.

I lavori del primo lotto funzionale consistono nella rimozione del cassettone e del vecchio tetto, la sostituzione di 10 capriate dalle attuali in legno alle nuove in acciaio, la realizzazione della nuova copertura, il consolidamento del cornicione, la realizzazione di un nuovo impianto elettrico e termico. Questo lotto è finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso i fondi dell’8×1000 destinati all’edilizia di culto e i beni culturali della Chiesa per la somma di 527 mila euro.

Il secondo lotto funzionale consiste nella realizzazione del nuovo cassettone e nella ritinteggiatura interna della Cattedrale. Il progetto è stato affidato dall’Arcidiocesi di Campobasso-Bojano all’architetto Lorenzo Di Felice, all’ingegnere Ernesto Minucci e al geometra Reberto De Santi. Questo lotto sarà finanziato da un fondo straordinario messo a disposizione dalla Regione Molise per un importo di 300 mila euro. Il progetto è ora al vaglio della Soprintendenza di Campobasso.

Infine, è prevista la realizzazione di un terzo lotto funzionale che consiste nel consolidamento dell’abside, delle penitenzerie, il restuaro dei portoni, la tinteggiatura della sacrestia. Attualmente si è ancora in fase di concretizzazione del reperimeto dei fondi e della stesura di un progetto esecutivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campobasso- Cimitero di nuovo allagato, cittadini sul piede di guerra: la situazione è diventata insostenibile

Ormai basta un semplice acquazzone per trasformare una parte del cimitero di Campobasso in…