Home Evidenza Viabilità e disservizi, ViviLarino e il calvario dei pendolari
Evidenza - Senza categoria - 13 Luglio 2020

Viabilità e disservizi, ViviLarino e il calvario dei pendolari

L’associazione ViviLarino interviene, con una nota, sui tanti problemi che attanagliano i cittadini del centro frentano, in particolare i pendolari.
“Che il cittadino viene privato dei servizi è notizia di tutti giorni. A Larino viviamo una situazione per certi aspetti paradossale, in quanto la chiusura dello sportello dell’Agenzia delle Entrate, l’utenza del circondario è costretta ad affrontare code chilometriche nella sede di Termoli (aperta solo due giorni a settimana), il ridimensionamento del’ex Ospedale anche nei minimi servizi ambulatoriali, lo sportello Inps ancora chiuso e le preoccupanti dichiarazioni del Presidente di Molise Acque dott. Santone circa l’incremento di fornitura con acqua potabilizzata del Liscione, i pendolari larinesi non vivono tempi migliori, i disagi sono molteplici, costretti ad affrontare dei veri e propri viaggi inverosimili. E’ di qualche giorno la notizia della necessaria riapertura del ponte dello sceriffo, che consente la fermata dei bus in sicurezza e con notevole risparmio di tempo per i tanti pendolari, che ogni giorno percorrono il cantiere Bifernina. La burocrazia e forse la colpevole incapacità amministrativa costringono gli utenti ad affrontare viaggi a dir poco terrificanti, oltre un’ora e mezzo per raggiungere il capoluogo servendosi di più mezzi. ViviLarino più volte ha dichiarato la necessità di ripristinare il confortevole servizio ferroviario che collega la costa al capoluogo, linea che interessa la dorsale a monte della Bifernina S.S.87, indispensabile alternativa, agevolando i tanti pendolari residenti in quelle zone (lavoratori e studenti) che tutti giorni si servono di tale servizio, con notevole risparmio di tempo ed utilizzando solo il treno per raggiungere Campobasso. E’ la giusta occasione per ricordare ai funzionari regionali che RFI a breve terminerà i lavori di messa in sicurezza della tratta ferroviaria, e che se ripristinata sarà l’unica rete attiva nella Regione, purtroppo manca ancora l’accordo tra Trenitalia e Regione Molise per attivare i convogli. Cogliamo l’occasione per replicare al Comitato pro Cardarelli che se si vogliono accentrare i servizi nel capoluogo bisogna attivare eccellenti servizi di collegamento che a tutt’oggi nel Molise mancano, e che per realizzarli con efficienza è pura utopia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Anno scolastico 2020/2021, immissioni in ruolo: in Molise 311 posti disponibili

Nell’incontro per l’informativa sulle immissioni in ruolo svoltosi presso il M…