Niente da fare! Dopo aver dovuto rinunciare all’aspetto civile delle festività patronali di metà giugno ed agli analoghi appuntamenti civili per la Madonna delle Grazie dell’1 e 2 luglio, Venafro si appresta a “saltare” anche le ricorrenze socio/civili nell’ambito della ricorrenza di metà luglio in onore della Madonna del Carmine. Anche tali appuntamenti non ci saranno, ma si terranno unicamente solo riti religiosi e sante messe! A stabilirlo le norme governative anticovid che stanno annullando ogni cosa, con conseguenti perdite per l’economia, il lavoro, le iniziative e le finanze di molti. Nel frattempo, e per prepararsi alla novena di preghiere e celebrazioni, si è provveduto a trasferire in Cattedrale sempre a Venafro la Statua della Madonna del Carmine, essendo pericolante il luogo di culto -ossia la chiesa della Madonna del Carmelo- dove il Simulacro sin’ora era solitamente custodito ed esposto. A portarlo a spalla dalla Chiesa del Carmine ha provveduto un gruppo di fedeli venafrani, accolti in Cattedrale dal Parroco Don Salvatore Rinaldi che presiederà la novena serale di preparazione spirituale alle ricorrenza di metà luglio in tale luogo di culto con le opportune accortezze per evitare contagi e pericoli. Nelle foto a corredo le diverse fasi del trasferimento dello storico e venerato Simulacro della Madonna di Monte Carmelo e la sua collocazione a lato dell’altare della Cattedrale perché i fedeli possano ammirarlo e pregare.
Tonino Atella

Potrebbe interessanti anche:

“Molis3SenzaSostanze Stupefacenti”, cerimonia di premiazione delle scuole partecipanti

Nell’Auditorium della “Ex Gil” di Campobasso si è svolta la cerimonia di premiazione del C…