Home Attualità Isernia. “Città sostenibile”, studenti del Manuppella protagonisti del progetto di Smaltimenti Sud

Isernia. “Città sostenibile”, studenti del Manuppella protagonisti del progetto di Smaltimenti Sud

“Estro Arte e Creatività nel progetto “Territorio fonte di ispirazione Pcto (percorsi delle competenze trasversali e orientamento). I lavori degli alunni del Liceo Artistico Manuppella di Isernia del progetto “Citta sostenibile” promosso dalla Smaltimenti Sud srl rappresentano, il frutto di una riflessione e di un percorso educativo che ha valorizzato tanto le proprietà dei materiali di riciclo quanto la necessità di evitarne la dispersione nell’ambiente. Gli studenti si sono interrogati sul tema della concentrazione di rifiuti, sul peso degli attuali stili di vita e sul valore del riciclo, fondamentale per la qualità della vita di tutti e per la creazione di nuove economie per il Paese. L’obiettivo del progetto è quello di diffondere la coscienza ecologica e creare cultura. Si tratta di cercare un rapporto nuovo con gli oggetti, imparando a separarli dalla loro funzione principale e ad osservarli per le loro potenzialità materiche, formali, tattili, percettive. Questo è sfidare il senso comune del valore degli oggetti, è raccontare la storia che un oggetto vuole narrare, è mostrare la fragilità della materia, è cogliere l’armonia e l’abilità costruttiva di un particolare, è cercare la bellezza in luoghi inaspettati.
Da anni la scuola è impegnata nella promozione dell’arte contemporanea, con un’attenzione particolare ai giovani talenti. Il coinvolgimento dei giovani anche durante la didattica a distanza è stato uno degli obiettivi fondamentali del progetto Città sostenibile in cui le sezioni del Liceo Artistico Manuppella: design moda-architettura e ambiente-design metalli hanno lavorato in simbiosi per un fine comune. Occorre ripensare da capo il nostro rapporto con le cose, immaginandone una nuova vita quando avranno cessato il loro utilizzo “ufficiale”: occorre allora vedere nella parola “rifiuto” non un problema ma una risorsa, nell’inutilità nuove opportunità di creazione. Nel caso del riuso creativo, possiamo immaginare un flusso infinito di oggetti che si trasformano sempre in qualcos’altro senza diventare mai rifiuti, in una sorta di metempsicosi ininterrotta operata dagli individui che utilizzano e riutilizzano le cose sfruttando una buona dose di immaginazione.
Motivo di soddisfazione visti i risultati raggiunti e i riscontri positivi raccolti.
Ringraziamo il Dirigente Scolastico, la Dott.ssa Maria Teresa Vitale e tutti i docenti di laboratorio e progettazione delle sez. design, metalli, moda e architettura che hanno collaborato alla realizzazione del progetto.
I lavori dei ragazzi verranno presentati sia sui social che sul sito della scuola: iscuocomanuppella.edu.it
Anche la Smaltimenti sud pubblicherà le opere realizzate sul proprio sito:www.smaltimentisud.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Anno scolastico 2020/2021, immissioni in ruolo: in Molise 311 posti disponibili

Nell’incontro per l’informativa sulle immissioni in ruolo svoltosi presso il M…