Home Attualità San Timoteo: macchina veloce per processare i tamponi al pronto soccorso

San Timoteo: macchina veloce per processare i tamponi al pronto soccorso

Il nuovo macchinario per processare i tamponi è arrivato e a giorni, dopo la formazione del personale, anche negli ospedali di Termoli e Isernia sarà possibile elaborare i test oro faringei. Come spiegato dal direttore generale dell’Asrem Oreste Florenzano saranno a disposizione del pronto soccorso per facilitare l’accesso all’utenza. “Si tratta di tamponi che vengono processati in breve tempo, nel giro di un’ora, e dunque consentono una gestione sicura e veloce di chi ha bisogno del reparto di emergenza” ha fatto sapere Florenzano. Il resto dei tamponi che si effettueranno sul territorio continueranno invece a essere inviati a Campobasso, dove il laboratorio di secondo livello del Cardarelli è accreditato dall’Istituto Superiore di Sanità per la validazione dei risultati sul Covid 19. Da pochi giorni l’Asrem ha nominato anche il nuovo primario dei laboratori di Campobasso, Termoli e Isernia, si tratta del docente Unimol Silvio Garofalo. Al momento nei laboratori della regione, ma soprattutto di Termoli e Isernia c’è carenza di tecnici. L’Asrem sta chiudendo l’autorizzazione per assumere 5 tecnici di laboratorio e 5 di radiologia. Il problema principale, però, è proprio il reperimento delle risorse umane e non solo in questo periodo di emergenza sanitaria. Un problema che l’Asrem sta affrontando anche per altri reparti, come la neonatologia a Campobasso, ma anche l’Ortopedia e la Pediatria di Termoli. Per quest’ultimo in particolare il rischio chiusura è altissimo: dei 4 medici in servizio, infatti, uno lascia a giorni il reparto per prendere servizio a Parma. Tra i tre rimanenti, c’è una dottoressa che avrebbe già mandato un preannuncio di dimissioni. Insomma resterebbero due pediatri e sarebbe impossibile tenere aperto il reparto. Se poi, di conseguenza non potrà essere garantita l’assistenza al parto, a cascata chiuderà anche il punto nascita, una beffa dopo le manifestazioni di protesta della popolazione e le battaglie per la sopravvivenza. “In Pediatria abbiamo una grande criticità e abbiamo messo in campo tutte le procedure per reperire il personale necessario” ha fatto sapere ancora Florenzano. Sperando ora che qualche pediatra risponda all’appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia. Anestesista aggredito, Asrem e Ordine medici: riattivare il posto di polizia al Veneziale

Non è un caso che il Parlamento abbia accelerato l’iter per giungere a una rapida approvaz…