Nella giornata di ieri 19 maggio 2020 alle ore 13:00 circa, durante una passeggiata immersi nella natura incontaminata dei boschi tra Carovilli e San Pietro Avellana, una ragazza di Isernia, Francesca Nocera, studentessa del liceo scientifico di Isernia, grazie al suo amore e passione per la natura e gli animali, ha scorto sul ciglio della strada appollaiata su un muretto una bellissima poiana. Grazie all’acutezza della sua vista, Francesca ha notato subito che l’animale era in difficoltà e ha iniziato a seguirlo!
La poiana era ferita aveva una zampetta rotta che le penzolava,attaccata al corpo grazie ad un lembo di pelle e mostrava un’ala compromessa che non riusciva ad aprire del tutto, tutto ciò gli consentiva di fare solo brevi voli tra un albero e un altro. Durante il suo percorso il rapace è finito su un grande albero di quercia nel quale è rimasto impigliato a testa in giù e nonostante gli estenuanti sforzi non riusciva a liberarsi, forse anche perché indebolita in quando in virtù delle sue precarie condizioni di salute appariva malnutrita.
Grazie alla tenacia e determinazione di Francesca nel volere a tutti i costi aiutare l’animale ci siamo subito attivati per trovare un modo per salvarlo!
Vista l’altezza dell’albero era impossibile arrampicarsi quindi immediatamente venivano allertati i Carabinieri Forestale Biodiversità della Riserva MAB di MontediMezzo ed i vigili del fuoco di Isernia che sono intervenuti, quest’ultimi con autoscala con la quale hanno raggiunto la poiana dandogli la possibilità di liberarsi.
Anche se non è stato possibile riuscire a prenderla e prestargli le dovute cure sicuramente la poiana potrà sperare di vivere e di guarire magari affidata alle cure di San Francesco grazie alla premura e gran cuore di Francesca.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…