Home Attualità Covid a Isernia, d’Apollonio: “Ancora non è finita”
Attualità - Isernia - 11 Maggio 2020

Covid a Isernia, d’Apollonio: “Ancora non è finita”

Sul sito web del Comune di Isernia è stato pubblicato, questa mattina, un Avviso del sindaco Giacomo d’Apollonio che riassume tutte le misure in vigore fino al prossimo 17 maggio per il contrasto e il contenimento della pandemia da Covid-19, con specifico riferimento ai comportamenti di prevenzione sanitaria e ai rapporti interpersonali.

«Negli ultimi giorni, – ha dichiarato il sindaco – dopo circa due mesi di adeguato rispetto delle misure anti contagio imposte dalle disposizioni nazionali e locali, si sono verificati episodi che evidenziano una certa insofferenza al protrarsi di tali, pur motivate, misure restrittive. Nella nostra Regione c’è stata una preoccupante recrudescenza epidemica, dovuta, a quanto pare, a comportamenti di cittadini non rispettosi delle limitazioni in vigore in materia di rapporti interpersonali. Per cui – ha aggiunto d’Apollonio – ho ravvisata la necessità di ricordare a tutta la cittadinanza, con un Avviso Pubblico, le principali misure ancora in vigore, affinché continuino ad essere osservate.
Infatti, non siamo ancora usciti dall’emergenza, il virus purtroppo è ancora in mezzo a noi. Dobbiamo fare massima attenzione per la nostra e l’altrui salute. Chiedo, quindi, ai miei concittadini un ulteriore sforzo collaborativo, invitandoli a rispettare tutte le misure in vigore fino al 17 maggio, tollerando soprattutto quelle che limitano la libertà personale, gravose ma indispensabili per arginare il dilagare dei contagi».

Nell’Avviso firmato da d’Apollonio si ricordano, fra le tante misure, il divieto di assembramento e quello di svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; la sospensione degli spettacoli, degli eventi sportivi, delle feste pubbliche e private e delle cerimonie civili e religiose; l’obbligo delle distanziamento interpersonale e, in talune circostanze, dell’uso delle mascherine.
Da ultimo, nell’Avviso del sindaco si raccomanda, ancora una volta, il rispetto di semplici pratiche igienico-sanitarie quali lavarsi spesso le mani, evitare abbracci, non toccarsi occhi, naso o bocca, e tutte le altre regole comportamentali elencate nell’allegato 4 al Dpcm del 26 aprile 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Fenomeni soprannaturali, il vescovo di Trivento, Claudio Palumbo, nomina una commissione di esperti in scienze umane e teologiche

Fenomeni soprannaturali, il vescovo di Trivento, Claudio Palumbo, nomina una commissione d…