Cosa fare in tempo di quarantena ? Tante le idee, tante le iniziative, tanti gl’interessi e tutti più o meno belli, interessanti, piacevoli e come tali meritevoli di essere citati e ricordati. Tra i numerosi appuntamenti scovati nella propria memoria nel periodo da uomini e donne, questo che segue è assolutamente particolare ed unico: l’udienza della Diocesi d’Isernia/Venafro da Papa Francesco il 2 maggio 2015 in una gremitissima Sala Nervi al Vaticano. A riproporla, pescando dalla propria memoria attraverso Facebook, è Padre Giuseppe Cellucci, oblato, attuale vice Parroco della Parrocchia dei Santi Simeone e Caterina a Venafro e Cappellano alla Neuromed di Pozzilli. P. Cellucci fu appunto tra i protagonisti dell’evento, muovendo da Pozzilli assieme a tant’altri fedeli della Diocesi d’Isernia/Venafro per incontrare il Sommo Pontefice in Vaticano. Ha raccontato il tutto nella propria testimonianza su face book dal titolo “Mano nella mano”, ricordando il momento in cui riuscì a parlare a Papa Francesco, a restargli per qualche attimo a pochi centimetri di distanza ed a tenere la propria mano in quella del Pontefice, cui disse : ”Santo Padre, sono un oblato, benedica il mio Crocifisso perché io possa testimoniare la fede a coloro che incontro”. “E Papa Francesco, senza mai parlare ma con un largo sorriso sul volto -ricorda P. Cellucci- benedisse il Crocifisso che porto al collo, prima di allontanarsi per raggiungere tutti gli altri che gremivano la Sala Nervi”. Cosa le resta di quella udienza del 2 maggio di cinque anni orsono ? “La disponibilità dell’Uomo e del Capo della Chiesa di Roma -aggiunge l’oblato- ma soprattutto il sorriso e la sua tranquillità, elementi assolutamente contagiosi”. Ecco, trascorrere minuti di quarantena ricordando momenti essenziali della nostra vita ed ai quali fare riferimento in vista della ormai imminente ripresa.
Tonino Atella

Potrebbe interessanti anche:

Covid: un decesso, 507 nuovi casi, 444 guariti e 6 ricoveri

Sale il numero di nuovi positivi in Molise. Sono 507 quelli riportati nell’ultimo bo…