Aspettando novità sulla Serie A, si ferma la Serie C. Questo quanto emerso dall’Assemblea di lega dei club della Lega Pro, chiamata a votare sulle soluzioni da proporre al Consiglio Federale sulla possibile ripresa della Serie C. La decisione presa dall’organo è stata quella di optare per la sospensione definitiva della stagione. Decisione, quella relativa all’annullamento dei campionati, che ha visto favorevoli praticamente tutte le squadre, consapevoli di tutte quelle che sarebbero state le enormi difficoltà legate alla possibile ripresa. L’altro tema caldo di giornata, oltre a quello della possibile ripresa, era quello legato alle promozioni e retrocessioni. In questo senso l’Assemblea ha votato a favore della promozione diretta delle tre squadre prime nei rispettivi gironi (tutte con un discreto vantaggio sulle inseguitrici), ovvero Monza, Vicenza e Reggina. L’altra importante decisione è stata quella di bloccare le retrocessioni, congelando anche i ripescaggi dalla Serie D. Per quanto concerne la quarta promossa in B invece è stato molto più complicato raggiungere un’intesa, anche a causa dei tanti club coinvolti in tale valutazione; alla fine l’Assemblea ha votato per il criterio legato al merito sportivo con la possibilità di promuvoere la migliore squadra con media punti ponderata (dovrebbe essere il Carpi), con esclusione della possibilità di giocare i play-off o di scegliere la quarta promossa con il sorteggio. La stagione di Serie C è quindi da intendersi come totalmente chiusa, in attesa delle decisioni che verranno prese dal Consiglio Federale.

Stadio San Nicola di Bari

A tal proposito forte il parere del Bari. No alla «media punti» come criterio per individuare il merito sportivo per la quarta promossa in serie B dalla Lega Pro, questa la posizione del presidente del Bari Luigi De Laurentiis. «Alla luce di quanto emerso dall’odierna Assemblea di Lega Pro – spiega il patron dei biancorossi – con particolare riferimento alla proposta da porre all’attenzione del Consiglio Federale per l’individuazione della quarta promossa in Serie B, ritengo inaccettabile il criterio suggerito della ‘media puntì, avendo le squadre interessate giocato un diverso numero di partite». «Questo – aggiunge – sarebbe un criterio valutabile esclusivamente nel caso tutte avessero disputato lo stesso numero di incontri, ma ricordiamo che il Carpi, terza in classifica nel Girone B, ha giocato addirittura 4 gare in meno rispetto alle nostre 30». Il Bari preme per disputare i play-off: «Sono sicuro che il Consiglio Federale non potrà prendere in considerazione la proposta maturata al termine di un acceso dibattito e con un considerevole numero di astenuti. Noi e molte altre società siamo pronti a giocarci la promozione in Serie B attraverso i playoff, appena sarà possibile giocarli e nelle modalità che verranno indicate dagli organi competenti», chiarisce ancora.
Il Bari, conclude De Laurentiis (non escludendo anche possibili ricorsi), «è pronto a difendere le proprie ragioni e i propri diritti in tutte le sedi opportune».

Potrebbe interessanti anche:

Calcio a 5, tornei Estivi, “Coste del Lago” da questa sera a Limosano via ai quarti di finale

Prosegue a ritmo spedito la sesta edizione del torneo di calcio a 5 “Coste del lago” di Li…