Home Attualità Caso sospetto in Fiat: attesa per il risultato del tampone. Tutti negativi invece quelli in Medicina

Caso sospetto in Fiat: attesa per il risultato del tampone. Tutti negativi invece quelli in Medicina

Un operaio della Fiat di Termoli è risultato positivo al test sierologico, vuol dire che è entrato in contatto con il Covid, ma non si sa ancora se sia positivo o negativo. Per saperlo è necessario il tampone oro-faringeo, a cui è stato sottoposto. Il risultato è atteso per domani. Nel frattempo la squadra con cui ha lavorato nel reparto del motore 16 valvole è stata messa in quarantena. L’uomo, che non ha alcun sintomo, spontaneamente si era sottoposto al test sierologico in un laboratorio privato: ha lavorato solo lunedì e nella giornata di martedì ha saputo il risultato, comunicandolo all’azienda che ha attivato le procedure di sicurezza. Il plant di Termoli ha riavviato la produzione proprio lunedì, dopo un mese e mezzo di chiusura. Per poter ripartire è stato adottato un ferreo protocollo di distanziamento tra gli operai, che sono stati dotati di tutti i dispositivi di protezione, e tutta una serie di altre misure che se rispettate azzerano le possibilità di eventuale contagio. Le regole sono cambiate e anche qualsiasi spostamento al di fuori del proprio reparto deve essere comunicato, in modo che è più facile poi ricostruire un’eventuale catena dei contatti. Il Soa, sindacato operai auto organizzati ha chiesto a Fca e alla Regione di rendere disponibili test sierologici e tamponi per tutti i dipendenti, per garantire la completa sicurezza per i lavoratori della più grande industria della regione. E intanto dopo giorni di attesa si scioglie la tensione al reparto di Medicina del San Timoteo di Termoli, dove un’infermiera neo assunta era risultata positiva al tampone al secondo giorno di lavoro. L’operatrice era arrivata da Milano, dove aveva lavorato e dove era risultata negativa a un procedente tampone. Tutti i colleghi e i pazienti ricoverati, sono stati sottoposti a tampone, con esito negativo, che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Colacem, sicurezza ai tempi del Covid

La Direzione Colacem e Colabeton (nella foto l’ingegnere Massimo Giaccari) scrive ai…