La Transumanza, antichissima pratica agropastorale di migrazione stagionale del bestiame lungo i tratturi dalla Puglia al Molise, riconosciuta patrimonio culturale dall’Unesco, quest’anno non ci sarà. Lo annuncia all’Ansa Carmelina Colantuono che insieme alla sua famiglia, originaria di Frosolone rappresenta la testimone e custode di questa secolare attivita’. L’emergenza Covid-19, dunque, non permettera’ il trasferimento del bestiame lungo i tratturi. Un viaggio di cinque giorni attraverso due regioni, tre province, Foggia, Campobasso e Isernia, e diversi comuni. Una scelta dolorosa, ma necessaria. “Dobbiamo rimandare – spiega – siamo in un momento difficile e per questo non abbiamo inoltrato le richieste in quanto coscienti del fatto che le avrebbero respinte”. Dal tono della voce di Carmelina traspare rassegnazione, ma nello stesso tempo, come è suo stile, fermezza e razionalita’: “L’emergenza Coronavirus rappresenta un grave problema, bisogna prima pensare alla salute delle persone”. “Anche noi abbiamo paura – sottolinea – ma per ora la priorità è contenere la diffusione dei contagi”.

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Sanità: accolto ricorso Gemelli Molise, sospesa efficacia decreto Toma

Il Tar Molise ha sospeso l’efficacia del decreto commissariale e di tutti gli atti c…