Anche e soprattutto nei momenti difficili si possono fare grandi cose. Basta mettere in campo creatività e voglia di fare per ottenere risultati confortanti. La conferma arriva dalla scuola dell’Infanzia di Miranda. In questi giorni – grazie alla didattica a distanza – i bambini hanno creato queste bellissime cartoline. Non appena possibile saranno messe in vendita e il ricavato sarà devoluto in beneficenza. Il progetto è stato molto apprezzato dal dirigente scolastico dell’Istituto “Molise Altissimo” di Carovilli, Maria Rosaria Vecchiarelli, che ha deciso di coinvolgere anche le scuole dell’infanzia degli altri paesi che fanno riferimento all’istituto scolastico altomolisano. Il messaggio che le insegnanti hanno voluto lanciare è questo: se è vero che i virus non hanno confini, nemmeno le idee conoscono barriere. Si è così deciso di realizzare un puzzle. Ogni bambino ha colorato con varie tecniche uno dei tasselli, ricomponendo così il logo che forma la frase “Tutti insieme, un solo battito di cuore” e naturalmente la classe al gran completo che seppur a distanza ha potuto rivivere quei momenti fatti di partecipazione, gioia e unità. Al di là del coinvolgimento dei bambini, il progetto ha fatto registrare l’entusiastica partecipazione dei genitori. Al tempo stesso è stato possibile apprezzare una scuola innovativa che grazie alla tecnologia va oltre le pareti della classe, con risultati altrettanto apprezzabili. Ma è ancor più significativa l’idea di tradurre in solidarietà questo lavoro. Le cartoline ammazza coronavirus – come detto – saranno vendute e il ricavato sarà devoluto in beneficenza.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…