Home Apertura Nuova ordinanza del governatore Toma su Cercemaggiore
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 8 Aprile 2020

Nuova ordinanza del governatore Toma su Cercemaggiore

Il presidente della Regione Toma ha emanato una nuova ordinanza che prevede ulteriori misure per la prevenzione e la gestione dell’emergenza Coronavirus in relazione al cluster riscontrato a Cercemaggiore. In sostanza, da domani e fino al 23 aprile è obbligatorio per i residenti e chi dimora a Cercemaggiore di dotarsi di idonea mascherina e utilizzarla nei loro spostamenti, ove consentiti, così come dovranno fare lo stesso coloro che entrano o passono nel comune. Il mancato rispetto delle misure imposte è punito con una sanzione amministrativa da 400 a 3mila euro.

Pubblichiamo il testo dell’ordinanza

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 19 DEL 07-04-2020

OGGETTO: ULTERIORI MISURE PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19 IN RELAZIONE AL CLUSTER EPIDEMIOLOGICO RISCONTRATO NEL TERRITORIO COMUNALE DI CERCEMAGGIORE – PROVVEDIMENTO EX ART.3, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 25 MARZO 2020, N.19.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 in relazione al cluster epidemiologico riscontrato nel territorio comunale di Cercemaggiore – Provvedimento ex art.3, comma 1, del decreto legge 25 marzo 2020, n.19.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

VISTO l’art. 32 della Costituzione;

VISTO lo Statuto della Regione Molise;

PRESO ATTO della delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il Decreto legge 25 marzo 2020, n. 19;

VISTO il DPCM 8 marzo 2020; VISTO il DPCM 9 marzo 2020;

VISTO il DPCM 11 marzo 2020;
VISTO il DPCM 22 marzo 2020; VISTO il DPCM 1 aprile 2020 che ha prorogato fino al 13 aprile 2020 l’efficacia delle disposizioni contenute nei DPCM sopra indicati; LETTA la propria ordinanza n. 12 del 26 marzo 2020 recante “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19 in relazione al cluster epidemiologico riscontrato nel territorio del comune di Cercemaggiore- provvedimento ex art.3, comma 1, dl 25 marzo 2020 n.19”;

DATO ATTO che le misure introdotte con la suindicata ordinanza cessano di avere efficacia in data 8 aprile 2020;

RICHIAMATA la relazione della Direzione Sanitaria e Generale ASreM prot. n. 3316 del 2 aprile 2020 con la quale le anzidette Direzioni, evidenziando l’efficacia delle misure adottate con l’ordinanza del Presidente della Regione n. 12 del 26 marzo 2020, hanno segnalato l’esigenza sanitaria di prorogare le misure di contenimento attualmente vigenti per il territorio comunale di Cercemaggiore al fine di continuare a circoscrivere ed isolare i focolai evitando la diffusione massiva del virus anche nel resto della regione;

CONSIDERATO pertanto che, permanendo le esigenze di tutela della salute pubblica poste a fondamento della precedente propria ordinanza n. 12 del 26 marzo 2020, ricorrono i presupposti di fatto e di diritto per l’adozione delle misure di cui all’art.3, comma 1, del decreto legge 25 marzo 2020, n.19;

RITENUTO necessario prorogare le misure di contenimento introdotte con l’art. 1 della suindicata ordinanza;

EMANA LA SEGUENTE ORDINANZA

Art. 1 1. In aggiunta alle misure statali, regionali e commissariali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, a decorrere dal giorno 9 aprile 2020 e fino al 23 aprile 2020, con riferimento al territorio comunale di Cercemaggiore, è fatto obbligo: a) alle persone fisiche ivi residenti e/o dimoranti di dotarsi ed utilizzare idonea mascherina durante tutta la loro permanenza al di fuori del predetto territorio ove siano legittimate ad uscire da quest’ultimo ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. b), del D.P.C.M. del 22 marzo 2020; b)    alle persone fisiche diverse da quelle di cui alla precedente lett. a) che transitino nel suindicato territorio di dotarsi ed utilizzare idonea mascherina durante tutta la loro permanenza sul medesimo territorio comunale di Cercemaggiore. Art. 2 1. Il mancato rispetto delle misure imposte con la presente ordinanza è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da € 400,00 a € 3.000,00, aumentata fino ad un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo. 2. La presente ordinanza, immediatamente esecutiva, è comunicata al Sindaco del Comune di Cercemaggiore, al Prefetto di Campobasso e al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2, comma 1, del d.l. 25 marzo 2020, n. 19, avendo il presente provvedimento anche valenza di proposta di adozione di conforme D.P.C.M..

3. La presente ordinanza è pubblicata sul sito istituzionale della Regione e sul BURM. 4.     Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi. Campobasso, 07-04-2020

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE
DONATO TOMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, dal 4 giugno ripartenza di tutti e due i mercati settimanali

Con ordinanza n. 86/2020, il sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio, ha disposto la riape…