Home Attualità Covid 19 a Venafro, Nicandro Cotugno all’attacco del sindaco Ricci
Attualità - Evidenza - Venafro - 7 Aprile 2020

Covid 19 a Venafro, Nicandro Cotugno all’attacco del sindaco Ricci

Ricoveri Covid 19 a Venafro. Immediata la replica al sindaco da parte del capogruppo dell’opposizione, Nicandro Cotugno, che dice:

“L’amministrazione comunale offende i venafrani. L’amministrazione Comunale di Venafro è in pieno delirio (sì Amministrazione Comunale Comunale perché il comunicato è a firma della intera maggioranza, quindi non solo del Sindaco ma di ogni singolo Assessore e Consigliere Comunale di maggioranza). Incredibile, accusano i Venafrani per “La mancanza di umana pietà” e di “Solidarietà Umana» che caratterizzano la Venafranità. Ma come si permettono. Solo perché amministrano questa città (amministrano, si fa per dire), non hanno alcun diritto di offendere i venafrani. Per niente proprio. Venafro e i Venafrani, da sempre sono ospitali, generosi e soprattutto solidali, e, nessuno è cambiato a causa dello “stare perennemente a casa”, come incredibilmente viene detto nel comunicato. Altra grande offesa alla intelligenza dei venafrani. Qui si contesta il modo in cui è stata eseguita l’operazione, un vero e proprio Blitz, tutto all’improvviso, senza alcun avviso, avvertimento (anche se tutta questa emergenza è stata gestita nel totale silenzio ed indifferenza da questa Amministrazione Comunale, nessun cittadino sa quello che si può fare e quello che non si può fare, aos totale), alle 10 di sera, con anziani innocenti ed inconsapevoli, di ciò che gli stava accadendo. Perché nessun avviso ai cittadini, cosa più corretta, lineare ed onestà da fare? I cittadini, specie in questo momento, hanno pieno diritto ad essere informati, su tutto quello che accade nella propria città. Forse avevano paura di una rivolta dei cittadini? Avevano paura di proteste? Penso proprio di sì. La verità è che l’ Amministrazione Comunale ha agito in mala fede, inchinandosi ai poteri politici (loro erano quelli che erano lontani dai giochi della politica, erano il cambiamento). Dicono che il Sindaco si è opposto. Quindi, anche loro ammettono che l’operazione era meglio non farla (e invece accusano i Venafrani) e poi che ha fatto il Sindaco Ricci per opporsi, ha sbattuto i pugni, ha minacciato le dimissioni, ha minacciato azioni eclatanti? Niente, niente e niente. Avete offeso i venafrani, incompetenti ed inadeguati oltre che ormai succubi del potere politico, chiedete scusa ai venafrani ed andatevene a casa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia. Medico aggredito, denunciato per violenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate

A seguito della denuncia sporta da un medico dell’Ospedale “Veneziale” per un’aggressione …