Home Apertura Preoccupazione al Vietri: 5 anziani trasferiti da Cercemaggiore positivi al Covid. Il dg Asrem: “Stanno bene e presto verranno spostati”

Preoccupazione al Vietri: 5 anziani trasferiti da Cercemaggiore positivi al Covid. Il dg Asrem: “Stanno bene e presto verranno spostati”

Clima di tensione e di forte preoccupazione al Vietri di Larino, dove 5 dei 6 anziani che lo scorso venerdì erano stati trasferiti dalla casa di cura di Cercemaggiore, sono risultati positivi al Covid 19, dopo che un primo tampone effettuato il 25 marzo era invece risultato negativo. Nella struttura del piccolo centro era scoppiata l’emergenza per via di un contagio che aveva avviato una catena di positività all’interno della casa di riposo, dove tre pazienti finora sono morti a causa del Coronavirus. Venerdì il sindaco di Larino Pino Puchetti aveva chiesto con lettera formale all’Asrem e alla Regione di effettuare un tampone di verifica prima del trasferimento degli anziani. Il test, però, è stato effettuato quando ormai gli ospiti erano già stati sistemati in un’ala del Vietri, lontano dagli altri reparti e dalla Rsa dove sono ricoverati altri anziani e pazienti non autosufficienti. Preoccupato e arrabbiato si è detto il sindaco Puchetti anche perché a Larino finora non si era registrato nessun caso tra i residenti e ora il timore è che il contagio si diffonda nonostante le misure adottate. Il sindaco ha chiesto alle istituzioni l’ulteriore trasferimento dei pazienti, tra l’altro tutti ultranovantenni, nella casa di riposo di Cercemaggiore, dove già i casi positivi sono isolati. Ma il direttore dell’Asrem Oreste Florenzano ha chiarito che i pazienti per ora resteranno a Larino.
“Sono pazienti asintomatici e dunque non possono essere trasferiti al Cardarelli, anche perché andrebbero a occupare posti per i soggetti con sintomi conclamati. Sono tuttavia persone che hanno bisogno di assistenza, visto che provengono da una casa di riposo e dunque non possono andare in isolamento domiciliare e nemmeno possiamo riportarli a Cercemaggiore, dunque resteranno per il momento al Vietri. Ad occuparsi di loro – ha chiarito – ci sono operatori sanitari dell’Asrem dedicati esclusivamente ai pazienti di Cercemaggiore. Dunque non c’è commistione di personale con quello della Rsa. Ci sono percorsi separati e anche il vitto è separato – ha aggiunto Florenzano. I cinque anziani, ognuno in camera singola, sono stati visitati da un infettivologo e stanno fortunatamente bene. Il direttore dell Asrem ha fatto sapere che anche se gli anziani sono già separati dal resto dell’ospedale, che tra l’altro è in gran parte vuoto, si sta procedendo al recupero e alla sistemazione dell’ex casa delle suore, che si trova proprio vicino al Vietri. “La stiamo ripulendo, sanificando e appena sarà pronta i pazienti verranno sistemati lì, così ci sarà un ulteriore separazione” ha rassicurato Florenzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Disturba il sonno dei petrellesi, fermato dai carabinieri e allontanato dal paese

Petrella Tifernina: Gironzolava indisturbato, nel pieno della notte, suonando i campanelli…