Uno degli ultimi casi di contagio in provincia di Isernia riguarda un dipendente della Gea medica, la struttura specializzata in riabilitazione in località Acqua solfurea. La conferma è arrivata direttamente dall’istituto isernino: “Nella serata di oggi, 04.04.2020, abbiamo avuto notizia che un dipendente della Casa di Cura Istituto Europeo di Riabilitazione-Gea Medica, che era in malattia dall’inizio della penultima settimana di marzo, è risultato positivo al tampone orofaringeo per Sars-CoV2, eseguito nei giorni scorsi su impulso del suo medico curante, e pervenuto oggi. Il dipendente, a cui vanno i nostri migliori auguri di buona guarigione, che sta bene ed è in sorveglianza sanitaria al suo domicilio, è entrato in malattia alla comparsa dei primi sintomi febbrili, avvenuti in un giorno di riposo prima della prevista giornata di turno, come da raccomandazioni in vigore. Abbiamo immediatamente comunicato alla Direzione Sanitaria Asrem ed al Dipartimento di Igiene dell’Asrem la notizia in nostro possesso, insieme all’elenco dell’altro personale della Casa di Cura con cui vi è stato contatto ed attendiamo i provvedimenti che verranno disposti degli Uffici Sanitari. Le dimissioni dalla Casa di Cura sono attualmente sospese e continuiamo nella sorveglianza sanitaria introdotta con i provvedimenti governativi e ministeriali per l’emergenza epidemica in atto, sia per il personale che per i nostri assistiti, che non mostrano al momento apparente sintomatologia ricollegabile”.

Potrebbe interessanti anche:

Tragedia nei boschi di Pescolanciano, muore un operaio albanese di 44 anni mentre tagliava un albero

Un uomo di 44 anni, di origini albanesi, è morto questa mattina nei boschi di Pescolancian…