Home Cultura Grande successo per il libro “La Fabbrica dei Sogni” del Molisano Renzo D’Addario
Cultura - Libri - 3 Aprile 2020

Grande successo per il libro “La Fabbrica dei Sogni” del Molisano Renzo D’Addario

Intervista al Blogger di Limosano

«LA MAGGIOR parte della gente continua a credere che Instagram sia un semplice social network per narcisisti alla ricerca dello scatto perfetto, invece non è così. Instagram è la nuova frontiera, chiunque può lavorarci e guadagnare, basta un cellulare. Dobbiamo ancora rendercene conto, ma Instagram ha sconfitto la disoccupazione».

Renzo D’Addario ne è convinto, e lui che proprio attraverso i social soprattutto grazie ad Instagram ha creato dei veri e propri business come ad esempio Altromondo disco abbigliamento che ha generato una notevole espansione, il brand ATRM che ha venduto migliaia di articoli attraverso il web e Offline che solo grazie ad Instagram ha toccato i 300 utenti.

Perché secondo lei, i social abbattono la disoccupazione? «Oggi, se si ha un’idea, il web ti consente di svilupparla senza investimento, senza la necessità di avere l’amico di famiglia che ti aiuta. Internet è democratico, tutti possono creare un business in qualsiasi luogo si trovino. Instagram poi, è un mercato eccezionale. Ormai ha sostituito Google: se cerchi una casa, una macchina da comprare, o qualcuno da assumere, vai su Instagram. Su Instagram qualsiasi cosa è vendibile: foto, video, non c’è più il confine, condividi la tua vita. Se sei un personaggio, o hai una società o semplicemente una buona idea, è su Instagram che potrai avere la maggiore visibilità e farti la migliore pubblicità. Oppure, se parli in maniera efficace di viaggi, gli enti del turismo, alberghi, SPA e ristoranti prima o poi ti chiederanno di promuoverli e potrai viaggiare gratis, se ti occupi di moda, potresti attrarre le aziende del settore che pagano per mostrare i loro contenuti ai tuoi followers, e via dicendo».

Parliamo dunque degli Influencer. Non tutti sono Chiara Ferragni. Tanti ci provano, ma non arrivano alla fine del mese. «Certo, perché ormai è pieno di Influencer e tutti propongono le stesse cose. Così non si va da nessuna parte. Questo lo spiego nel mio libro. Anche nel mercato di Instagram, come quella di TikTok, altro social che sta prendendo molto piede, bisogna proporsi in maniera originale, solo così si potranno raggiungere i nostri obiettivi».

Che consigli dà nel suo libro, per raggiungere soldi e successo? «Innanzitutto, le regole base per proporsi. Prima di tutto, evitare di ostentare. Ormai non funziona più. Per guadagnare followers, bisogna raccontare la propria quotidianità con i suoi momenti down, non nascondere le proprie debolezze. Questo crea empatia, permette agli altri di provare emozioni, identificarsi. Puntare su contenuti che suscitano reazioni emotive, è essenziale».

Poi? «Comunicare in modo che ci siano persone che ci amano o ci odiano. Se siamo banali, forse non avremo mai haters ma, sostanzialmente, saremo ignorati da tutto e da tutti. Inoltre, fondamentale, è individuare dei cavalli di battaglia».

Che intende per cavalli di battaglia? «Avere degli argomenti fissi da portare avanti costantemente, magari che ci riguardano per esperienza vissuta. Questi argomenti ci distinguono, ci caratterizzano e aumentano la nostra riconoscibilità. Inoltre, un altro consiglio che do, è quello di non copiare i concorrenti. Bisogna studiarli a fondo per poi distinguersi da loro, creare un proprio stile, soprattutto visivo, che ci personalizzi».

Il suo libro è pieno di consigli e strategie per ottenere visibilità su Instagram. Difficile citarli tutti. Ma me ne dica almeno 4.«Eccoli:

  1. Regola numero uno: non indossate maschere, siate autentici. Le persone apprezzano l’autenticità.
  2. Quando pubblichiamo una foto, non dobbiamo fermarci a pensare se piace o meno a noi, ma se piacerà a chi la guarda. Le foto su Instagram sono pubblicate per piacere agli altri. È questo lo spartiacque.
  3. Meglio pubblicare foto con bei colori e luminosi: nello scroll veloce di Instagram sono quelle che colpiscono di più l’attenzione.
  4. È fondamentale avere molte interazioni: non tirarsela. Mettere like a qualche foto e profilo ci fa salire nel ranking di Instagram: il social vede che siamo attivi e ci premia»

Qual è la media di copie che vorrebbe vendere? «Ho un sogno arrivare a toccare la quota di 5.000 copie vendute, ma so che sarà un traguardo duro, anche se il lancio effettuato il 15 marzo è stato magnifico con circa 150 copie vendute tra ebook, libro cartaceo e Amazon. Tutto questo grazie anche alla copertina realizzata da Manuel Ciarallo, la foto scattata da Lello Muzio e il video lancio realizzato da Gianmarco Paolucci che hanno dato vita alla mia idea».

Perché ha deciso di scrivere questo libro? «Ho deciso di scrivere questo libro per insegnarti dei trucchi del mestiere di chi lavora sul web, e più precisamente su Instagram, il social network più potente che ci sia. Instagram potrebbe farti guadagnare cifre pazzesche, come è successo a me, se lo saprai usare bene. Ecco perchè ti consiglio di leggere questo libro con grande apertura mentale, assaporandone ogni pagina e cercando di fare tuoi i concetti che andrò a spiegarti. Utilizzalo non come un punto di arrivo, ma come punto di partenza per cambiare la tua vita e renderla ancor più meravigliosa e piena di successo. Potresti diventare tu il nuovo guru del web. Coltiva i tuoi sogni. Io ne ho ancora tanti e sono sicuro di poterli raggiungere. Buona fortuna. Guardi io sono un ragazzo che ogni mattina da dieci anni appena si sveglia vuole rendere la sua giornata unica, realizzare grandi progetti e grandi sogni attraverso il web e mi creda, oggi con il web lo si può fare anche in un solo giorno».

Dove è possibile acquistare il libro ?« Il libro è disponibile su Amazon e sul sito www.renzodaddario.com ».

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il silenzio non è mai silenzio: il libro di Carla Ciamarra “oltre l’Alzheimer”

In attesa della sua  presentazione , che era prevista nel mese di aprile e rimandata a que…