Home Attualità Lettera dei pediatri di famiglia del Molise: “Non portate i figli a spasso e preveniamo il rischio”
Attualità - Evidenza - 2 Aprile 2020

Lettera dei pediatri di famiglia del Molise: “Non portate i figli a spasso e preveniamo il rischio”

Professionisti che conoscono i bambini, punto di riferimento per le loro famiglie in una fascia delicata della crescita.

In una lettera diffusa ai sindaci i pediatri di famiglia del Molise hanno voluto fornire delle indicazioni importanti in un momento così particolare e in un contesto di limiti e interpretazioni.

Senso di responsabilità e consigli che hanno condiviso in un testo già postato anche da diversi sindaci su Facebook.

Nel momento in cui si intravede una minima possibilità di contenimento del contagio – scrivono i pediatri – e quando ancora al centrosud siamo in fase di crescita esponenziale, la nota che consente ai bambini accompagnati da un genitore di poter uscire rischia di vanificare lo sforzo fatto finora”.

I pediatri del Molise fanno così appello al buon senso dei genitori e chiedono ai primi cittadini di farsi portavoce del loro pensiero e delle loro raccomandazioni.

I bambini – osservano i pediatri per usare e semplificare un termine ricorrente – sono, di fatto, i veri ‘untori’: per loro, al momento, questo virus comporta una sintomatologia poco rilevante ma ciò non toglie che, proprio attraverso i bambini, i genitori, i nonni e le persone più a rischio non vengano colpiti duramente fino a dover ricorrere alle nostre limitate strutture ospedaliere”.

Se avremo molte più persone in giro, a gioire sarà solo il nostro nemico coronavirus. Questa la riflessione dei pediatri che poi ricordano: i bambini, con la loro curiosità, toccheranno pareti dell’ascensore, porte, pali della luce, se non giostrine e quant’altro e poco dopo si metteranno le dita nel naso, nella bocca e si strofineranno gli occhietti”. A questo punto molti dei bambini portati a spasso così come i loro genitori, saranno già infetti ma asintomatici o con sintomi lievi.

Una nota forte per ribadire che “ogni nostra azione deve essere finalizzata a limitare il contagio e può fare la differenza”.

Da qui l’invito dei pediatri di famiglia del Molise rivolto ai genitori: restate a casa con i vostri figli e non facciamo fare un giretto al virus.

Si precisa, chiaramente, che la giusta eccezione va fatta per i bambini affetti da spettro autistico o da disturbi intellettivi con obiettive difficoltà del contenimento comportamentale per i quali i medici provvedono con opportune certificazioni.

Un grazie ai sindaci da parte dei pediatri per chi vorrà condividere questa lettera sperando di contribuire a supportare il loro lavoro. Ancora un invito, concreto e responsabile, a restare a casa per il bene di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, dal 4 giugno ripartenza di tutti e due i mercati settimanali

Con ordinanza n. 86/2020, il sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio, ha disposto la riape…