“Mi danno mille euro per i generi alimentari quando ho bambini che non hanno ne’ computer ne’ connessione per seguire le lezioni. E non ho nessuna ordinanza o regola che mi permetta di comprare un ipad a questi studenti. Qui siamo 85 circa, non abbiamo un negozio da decenni, ho rinunciato all’indennita’ da sempre: ma la verita’ e’ che qui il coronavirus non e’ arrivato e non si sente. Specie i piu’ giovani. Gli anziani? Tanto anche prima erano in due in piazza, a distanza di metri. Il massimo del disagio e’ la spesa che i volontari fanno per gli anziani a Casacalenda a pochi chilometri da qui”. E’ quanto afferma, in una intervista all’agenzia Ansa, Salvatore Fucito sindaco di Provvidenti, uno dei piu’ belli e disabitati paesi del Molise. “Siamo come quei borghi medioevali intatti dalla peste – prosegue -. Eppure anche noi abbiamo le scorie del presente: pensate che c’e’ il figlio di un pastore che non beve il latte di pecora e vuole i kinder e costringe i genitori al supermercato”.

Potrebbe interessanti anche:

Auto contro moto, paura sulla Statale 16: feriti trasportati d’urgenza al San Timoteo

Incidente nella serata di oggi, alle 20.30 circa, sulla Statale 16 all’altezza del v…