Montenero di Bisaccia è un paese blindato. Nessuno può entrare e nessuno può abbandonare il paese. L’ordinanza del governatore, Donato Toma, detta misure precise per contenere ulteriormente il rischio di infezione. Un blocco necessario agli ingressi e alle uscite che ha previsto un piano di coordinamento e di controllo con le forze dell’ordine. Riunione operativa in municipio con il sindaco, Nicola Travaglini, e i responsabili di Polizia, Carabinieri e municipale insieme alla struttura comunale.
Zona rossa in tutto il paese: sospesi gli uffici pubblici, restano aperte solo le attività per i servizi essenziali come gli alimentari. Spostamenti autorizzati solo per gli operatori sanitari e per coloro che gestiscono le emergenze e sono legati alla catena delle attività autorizzate a entrare a uscire dal paese. Una nota Asrem ha precisato i termini di questa ordinanza.
“Particolarmente preoccupante – si legge nel documento – è la persistenza di un cluster di infezione nel comune di Montenero di Bisaccia, considerata la data di comparsa dei primi positivi, la durata del periodo di incubazione della malattia e l’adozione delle previste misure di sorveglianza attiva ed isolamento domiciliare adottate dal Dipartimento Unico di Prevenzione”. Non solo. “Tale situazione – continua la nota Asrem – considerando la potenziale presenza nella popolazione di casi asintomatici, documenta la necessità di garantire una più rigorosa aderenza da parte dei cittadini alle misure di contenimento e restrizione già in atto e ulteriori strategie volte ad evitare e contenere la diffusione dei contagi nel territorio limitrofo, viste le tempistiche per l’acquisizione degli esiti dei tamponi sui contatti dei tamponi positivi”. Il sindaco Travaglini ha così rinnovato l’invito a rispettare le prescrizioni per il bene di tutti i cittadini di Montenero.

Potrebbe interessanti anche:

Asrem, “Percorso Azzurro Lilt For Man”: campagna per la prevenzione dei tumori maschili

Anche quest’anno l’ASREM partecipa alla campagna nazionale di prevenzione dell…