E’ morto a 90 anni al Policlinico Casilino di Roma il Cav. Antonio Luongo, già Maresciallo ed Aiutante Maggiore dei Carabinieri e papà del Generale dell’Arma, Salvatore. Ha concluso la propria vita terrena al Policlinico Casilino di Roma, dov’era ricoverato per la rottura del femore e senza collegamento alcuno con problematiche connesse al coronavirus, il Cav. Antonio Luongo, 90 anni, campano di origine, già Maresciallo ed Aiutante Maggiore dei Carabinieri. Domani le benedizione della salma al Cimitero Comunale di Venafro, stante l’impossibilità di celebrare i funerali per evitare assembramenti di persone. Il Cav. Antonio Luongo, si ricorda, aveva retto per anni l’allora Stazione Carabinieri di Venafro, stabilendosi quindi con la famiglia nella cittadina dell’estremo Molise occidentale e creando ottimi rapporti sociali con l’intera comunità venafrana. L’ex sottufficiale dell’Arma, persona assai stimata e ben voluta, lascia i figli avv. Anna Maria, prof. Claudio ed il Generale dei Carabinieri, Salvatore, cinque nipoti e la vedova sig.ra Antonietta. La città di Venafro esprime alla famiglia Luongo sentite condoglianze per la grave perdita.

Potrebbe interessanti anche:

Giornata di prevenzione e promozione della salute, larga partecipazione a Trivento

Giornata di prevenzione e promozione della salute, larga partecipazione a Trivento. In tan…