Blood sample with respiratory coronavirus positive

Coronavirus e truffe: è allerta in Alto Molise. Tra San Pietro Avellana e Vastogirardi è stata infatti segnalata la presenza di tre donne che cercano di entrare nelle case, soprattutto degli anziani, spacciandosi per medici, con il chiaro obiettivo di mettere a segno furti. Approfittano della buonafede dei cittadini sostenendo di dover effettuare tamponi. Ma non è assolutamente vero. Nessuno è autorizzato a fare questo esame “porta a porta”. Al fine di prevenire furti o truffe, la Pro Loco di Vastogirardi ha invitato tutti a fare la massima attenzione: “Su segnalazione dei carabinieri – si legge sulla pagina Facebook della Pro loco del paese alto molisano – si avvisano i cittadini di prestare attenzione a tre donne che, spacciandosi per personale medico, cercano di entrare nelle abitazioni per effettuare tamponi. Attenzione”. È bene ricordare che i tamponi possono essere fatti a domicilio solo in un caso: quando sono stati gli stessi a cittadini a contattare i numeri preposti per l’emergenza, segnalando eventuali casi sospetti. Ma nessuno, di propria iniziativa, può effettuare verifiche a domicilio. L’unico obiettivo è quello di entrare in casa e rubare. Mentre una persona distrae il proprietario effettuando il tampone fasullo, i complici rovistano per casa. In questi casi non aprire agli sconosciuti è la prima cosa da fare. La seconda è quella di avvisare le forze dell’ordine.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…