L’ordinanza firmata dal sindaco di Rocchetta Teodoro Santilli parla chiaro: quella che ha adottato è una misura per prevenire la diffusione del coronavirus nel territorio comunale. Una scelta dettata dalla prudenza, dunque. Per consentire a una ditta specializzata di disinfettare i locali che ospitano la scuola dell’infanzia e della primaria, il primo cittadino ha disposto la sospensione delle attività didattiche fino a venerdì. La sanificazione degli ambienti sarà effettuata domani. Nessun allarmismo, ma solo una precauzione in più – ha detto Santilli – anche in attesa dell’evolversi della situazione. A suo avviso chiudere le scuole per pochi giorni – e per pochi alunni – non è la fine del mondo. In ogni caso le scuole, salvo sorprese, riapriranno regolarmente sabato. Ma in paese come è stata accolta questa novità? I bambini senza dubbio l’hanno pesa benissimo: qualche giorno di vacanza in più non guasta mai. In realtà il provvedimento adottato dal primo cittadino di Rocchetta, com’era facile prevedere, ha finito per dividere l’opinione pubblica. Per alcuni ha fatto bene, la prudenza non è mai troppa. Per altri, invece, questo provvedimento non ha senso.

Potrebbe interessanti anche:

Elezioni Politiche, a Trivento il 55% dei votanti è di centrodestra. Primo partito Fratelli d’Italia con quasi il 24% degli elettori a seguire Forza Italia. Il 18% dell’elettorato al centrosinistra, 13% Movimento 5 stelle

Sono stati in totale 1.981 gli elettori che si sono recati alle urne di via Acquasantianni…